L’unico abitante di Rescigno Vecchia

L’unico abitante di Rescigno Vecchia

Giuseppe Spagnuolo

Rescigno Vecchia: uno dei borghi fantasma più belli d’Italia ed è oggi abitato unicamente dal signor Giuseppe Spagnuolo.

Si trova in provincia di Salerno, nel Cilento, è costituito da case in pietra di un unico piano immerse nella vegetazione e disseminate in piccoli vicoletti sterrati. Frane e alluvioni costrinsero gli abitanti a trasferirsi più a valle dando vita alla Roscigno Nuova.

Visitando il paese si ha l’impressione di fare un viaggio indietro nel tempo passeggiando tra botteghe e stalle, la piazza municipale che è dominata da una fontana e dalla chiesa di San Nicola di Bari. È anche possibile visitare il Museo della civiltà contadina ospitato nelle stanze della canonica della Chiesa e dell’ex Municipio.

Roscigno Roscigno

Giuseppe Spagnuolo è l’unico abitante di Roscigno Vecchia, in provincia di Salerno: gli abitanti sono andati via per il rischio dissesto idrogeologico, mentre lui è diventato custode della memoria del borgo.
E, in quanto unico abitante, a Giuseppe spetta il compito di accogliere i molti curiosi che da tutta la penisola e dal mondo giungono nel piccolo borgo.
“Questo paese – spiega Giuseppe Spagnuolo – negli anni ’80 non era sulla carta topografica. La Sovrintendenza l’ha chiamata la Pompei del ‘900. Addirittura i proprietari di questi edifici sono rimasti quelli del ‘700. Hanno lasciato tutto così, in uno stato di abbandono, quando avrebbero potuto inventarsi mille altre cose per rendere questo borgo ancora più incantevole. Un cantiere scuola, un museo a cielo aperto, una location per un presepe vivente, e non limitarlo a qualche apparizione sporadica di qualche pellicola cinematografica”.

Roscigno vecchia GiuseppeRoscigno Giuseppe Spagnuolo

Lui è l’unico residente dal 2001, ma, come ogni viaggiatore, prima di trovare il suo porto sicuro ha migrato. “Prima di tornare qui, dove è nata la mia famiglia di contadini, sono stato un emigrante. – rivela a Niccolò Zancan, che lo ha intervistato per La Stampa – Era la primavera del 1963 quando sono partito per andare a fare l’aiuto carpentiere in Lombardia.
Poi spaccapietre in Svizzera. Servizio militare a Como, due anni nella Finanza, trent’anni da operaio edile in giro per il Nord Italia, durante i quali ho fatto tre figli, che ora vivono sparsi per il mondo. Sono tornato quando non avevo proprio più nessun impiego”.

 

Campus Olistico al Centro Commerciale Campania

Campus Olistico al Centro Commerciale Campania

 

banner campus olistico

Ogni giovedì (9.30-13.30 e 14.30-18.30) presso il Wellness Point al Primo Piano si svolge il Campus di Discipline Olistiche e Bio Naturali.
Ha una durata di 6 mesi con inizio il 7 giugno 2018 e con fine il 27 Dicembre 2018

Il campus Olistico dà l’opportunità di ricevere gratuitamente consulenze da rinomati professionisti che operano nell’ambito delle discipline Bio naturali.
Scopo principale è quello di promuovere la prevenzione di informare sui benefici delle discipline Olistiche e Bio Naturali con il fine di promuovere il benessere e rafforzare la salute attraverso uno stile di vita in sintonia con il proprio essere.

PROSSIME DATE

Ottobre 4/11/18/25
Novembre 8/15/22/29
Dicembre 6/13/20/27

Prenota il tuo CAMPUS GRATUITO presso il Box Informazioni di Piazza Centrale oppure telefona allo 0823 696037

LE ASSOCIAZIONI

• AICS – Associazione Italiana Cultura e Sport

aics logo
L’AICS – Associazione Italiana Cultura e Sport è un’associazione senza scopo di lucro costituita nel 1962 a Roma. È classificata tra gli Enti nazionali di Promozione Sportiva (EPS). Nel corso degli anni ha esteso i suoi campi d’interesse agli ambiti di solidarietà, cultura, politiche sociali, Terzo Settore, turismo sociale, ambiente, attenzione verso gli emarginati ed i diversamente abili, protezione civile e formazione. Nell’ambito della formazione AICS ha creato un Dipartimento per le scienze e tecniche Olistiche e Bio Naturali. Trasparenza e Professionalità” sono due sinonimi che contraddistinguono il Dipartimento di Scienze e Tecniche Olistiche”. Gli Elenchi pubblici per gli operatori olistici professionisti associati, per gli operatori olistici istruttori e docenti professionisti associati, daranno l’opportunità agli operatori di tracciare la loro formazione e renderla trasparente. Lo Sportello del Cittadino sarà un altro mezzo che il dipartimento mette a disposizione per dare tutte informazioni utili all’utente finale che vuole affidarsi ad uno degli operatori formati presso il dipartimento.
Sarà messo a disposizione un info point per domande legali e amministrative. L’obiettivo primario del dipartimento rimane la formazione che pone le sue basi nell’alta qualità e nella serietà. Le attestazioni di qualità non sono autoreferenziali bensì erogate da un ente di attestazione parte seconda.
Contatti: Graziano Scaracia: 333.5328139 • [email protected] 

• Centro Studio Terapia Manuale

centro benessere caserta

Il centro STUDIO TERAPIA MANUALE nasce per divulgare le metodiche manuali, trattamenti energetici, attività e discipline olistiche che mirano a far ritrovare il benessere e l’armonia della persona nella sua globalità. Offre tutta una serie di trattamenti manuali e attività che hanno come obbiettivo quello di trovare equilibrio tra il corpo e la mente.
Contatti: Anna Magri 339.4409930 • [email protected]

• A.I.O.B. – Ass. Italiana Operatori del Benessere

aiob-logo

Associazione di categoria per tutti coloro che operano nel campo della gioia, del benessere della prevenzione e dell’armonia individuale e planetaria. Con patrocino morale Reg Campania, Provincia di Caserta e in collaborazione con ASL NA2 D.S.M. e l’istituto di ricerca dei tumori di Napoli G. Pascale con progetti applicati. Comunità di ricercatori e belle persone.
Le varie discipline di studio sono: Yoga, Riflessologia, Acquaterapia, Acquasound, Danzaterapia, Musicoterapia, Qi kung, Medicina cinese, Ayurveda, Cristalloterapia, Cromoterapia, Aromaterapia, Fiori di bach, Psicologia, Iridologia, Cucina macrobiotica, Meditazione, Reiki, Shiatsu, Tuinà, PNL, Fitoterapia, Feng shui-Bioarchitettura, Alimentazione naturale, Fisica e Chimica, sciamanesimo, Giochi psico evolutivi, Numerologia, Massaggi tailandesi, massaggi emozionali.
Contatti: Presid. Prof. Giuseppe Gallucci: 335.6798965 • [email protected]

• Associazione Culturale per lo Studio delle Arti e Filosofie Orientali Scuola di discipline del benessere

Logo Siddharta

L’Associazione Siddharta, fondata nel 1980 da Guglielmo De Martino, opera per la formazione di Operatori del benessere ed insegnanti di Yoga e di Shiatsu.L’attività di formazione è rivolta anche ad operatori impegnati nel sociale e nelle relazioni d’aiuto. La nostra Scuola si ispira ai principi energetici ed ai metodi di cura, delle più antiche tradizioni orientali, integrati con i modelli scientifici occidentali. La formazione,per noi,ha l’obiettivo primario di preparare personale qualificato con possibilità occupazionali nei settori estetici, del benessere e in tutte le realtà lavorative ad essi connessi. Ai corsi si accede previo colloquio con il Direttore didattico. Sono previsti laboratori teorico pratici, tirocini didattici e test di verifica. Al termine del percorso formativo e superato l’esame finale, gli allievi conseguono, congiuntamente al diploma del Siddharta l’’Attestato di qualifica nazionale della Federazione Nazionale Shiatsu AIFS. La scuola opera in conformità ed ai sensi alla legge 14 Gennaio 2013 n.4
Contatti: Gugliemmo De Martino: 360.773687 / 081.7519785 • [email protected] 

PROSSIME DATE

Ottobre 4/11/18/25
Novembre 8/15/22/29
Dicembre 6/13/20/27

Prenota il tuo CAMPUS GRATUITO presso il Box Informazioni di Piazza Centrale oppure telefona allo 0823 696037

Ricetta autunnale irpinia: zuppa di castagne e fagioli

Ricetta autunnale irpinia: zuppa di castagne e fagioli

zuppa di castagne e fagioli

In Irpinia, la castagna e la nocciola sono i prodotti simbolo, tipici del territorio, e da secoli, oltre a sostenere l’economia, sono diventati anche alimenti base.
In passato proprio la castagna era considerato l’alimento dei poveri. In autunno era un prodotto immancabile in ogni casa: grazie ai suoi valori nutrizionali completi era considerata la sostituta della carne, che non tutti potevano permettersi e, con i frutti che non si riuscivano a vendere, si faceva la farina e quindi il pane o la pasta. In questo periodo di sagre della Castagna in provincia di Avellino, uno dei piatti principe a base di questo frutto è la zuppa di castagne e fagioli.
Oltre ad essere una portata saporita e nutriente è il piatto giusto per scaldare i giorni freddi che in Irpinia cominciano già fin dall’autunno.

È una ricetta salata di facile preparazione

Primo ingrediente base, la castagna, le migliori sono la Castagna Igp di Montella, la castagna di Serino e il Marrone di Santa Cristina.
La ricetta originale, per 8 persone:
500 gr di castagna
300 gr di fagioli
1 spicchio d’aglio
1/2 decilitro di olio d’oliva
1 ciuffetto di prezzemolo
Rosmarino (a piacere)
sale q.b.

Lessare le castagne e togliere l’eventuale pellicina. In una pentola con acqua si possono mettere a cuocere i fagioli (magari tenuti a bagno la notte precedente), unire l’olio, l’aglio, il prezzemolo, rosmarino ed aggiustare di sale secondo il proprio gusto. A metà cottura versare le castagne e se necessario altra acqua calda. Portare il tutto a cottura completa e servire in tavola ancora caldo. Negli anni, la zuppa ha subito variazioni secondo gusti soggettivi, così esistono anche le versioni arricchite con funghi secchi o guanciale, per i più golosi pure entrambe e degna di nota è anche la pietanza presentata con dei crostoni di pane casereccio.

Distrofia muscolare di Duchenne, identificato un nuovo meccanismo

Distrofia muscolare di Duchenne, identificato un nuovo meccanismo

carrozzella

Lo studio, pubblicato su Nature Communications, è stato condotto dall’Istituto di chimica biomolecolare del Cnr di Pozzuoli, con l’Istituto di genetica e biofisica del Cnr-Igb di Napoli, il Dipartimento di farmacia dell’Università Federico II, la fondazione Santa Lucia di Roma, l’istituto Telethon di genetica e medicina di Pozzuoli e l’ospedale pediatrico Gaslini di Genova.

Lo studio ha riscontrato importanti alterazioni degli endocannabinoidi nei muscoli scheletrici affetti da distrofia muscolare di Duchenne, in particolare l’iperattività del recettore CB1 nel tessuto muscolare striato, sia nell’uomo sia in un modello animale. È stato dimostrato come, con somministrazioni ripetute di farmaci in grado di attenuare tale iperattività, si ottenga un parziale ma significativo recupero delle funzioni motorie ed una riduzione dell’infiammazione nel modello animale.
La malattia esordisce nei primi anni di vita e causa di una progressiva ed irreversibile degenerazione muscolo-scheletrica, con un’aspettativa di vita medio-bassa.

Le terapie attuali prevedono l’assunzione di potenti farmaci antiinfiammatori con i quali però si riesce soltanto a contenere in maniera parziale la sintomatologia e con i quali è difficile effettuare una valutazione rischio-beneficio.

Bilinguismo per bambini

Bilinguismo per bambini

logo helen doron

 

È attivo da quest’anno il corso d’inglese con il metodo Helen Doron presso l’Accademia dei Giorni Felici ad Avellino in via Ferrante.
Una novità assoluta che permetterà ai piccoli di imparare l’inglese con il metodo Helen Doron che si basa su piccoli Learning Group, ossia piccoli gruppi di 4-8 studenti per dedicare particolare attenzione ad ogni studente e di interagire con il gruppo.

Con questo metodo s’impara divertendosi, l’apprendimento sarà vissuto in maniera creativa con spirito propositivo e dinamico. Lo studente verrà stimolato nel suo processo di apprendimento dell’inglese come se fosse la sua lingua madre.
Grazie al materiale didattico originale e dedicato, gli studenti potranno avvalersi di numerosi cd audio per un’autonoma ripetizione di quanto imparato in classe. Gli insegnanti Helen Doron sono adeguatamente formati all’utilizzo dei particolari materiali didattici utilizzati.

Per info clicca qui

Pillole di vino rosso per il cuore

Pillole di vino rosso per il cuore

botti vino

A cura di Ettore Mautone

L’esame di una sola goccia di sangue, ottenuta dalla semplice puntura di un dito, consente di dosare alcuni metaboliti dannosi per le arterie derivati dai grassi animali introdotti con l’alimentazione. Presso i laboratori NutraPharmaLabs del Dipartimento di Farmacia dell’Università Degli Studi di Napoli “Federico II” di nutraceutica  è stato inoltre messo a punto anche un “antidoto” salva-arterie, derivato dalla vinaccia di Aglianico e Taurasi (prodotto di scarto nella preparazione del vino rosso), in grado di neutralizzare tali sostanze dannose per la salute del cuore. Per completare lo studio ora Novellino cerca nuovi volontari per misurare l’efficacia clinica del ritrovato salva-arterie.

“Chi fosse interessato a entrare nel trial clinico di questo nutraceutico”, spiega Ettore Novellino, “può contattare direttamente il nostro Dipartimento sito in Via Domenico Montesano.

cuore rosso in mano


Ma come si è giunti alle conclusioni della ricerca?

“Tra i fattori di rischio di eventi cardiovascolari acuti” aggiunge il docente – oltre agli alti livelli di colesterolo, che studiamo da anni (e per contrastare i quali viene utilizzato l’estratto procianidico di Melannurca Campana IGP) siamo partiti dalle evidenze sperimentali che mettono nel mirino una sostanza chimica, la trimetilammina-N-ossido (nome in codice TMAO), un metabolita derivato dalla flora intestinale frutto dalla digestione di alcuni nutrienti introdotti con l’alimentazione (come la fosfatidilcolina, la colina e la L-carnitina) che si trovano nella carne rossa, nelle uova e nei prodotti lattiero-caseari ad alto contenuto di grassi animali”.
In pratica TMAO è una nuova spia del rischio cardiovascolare. “Siamo partiti da uno studio pubblicato sull’European Heart Journal” continua Novellino – in cui è stato verificato, su pazienti statunitensi con sindrome coronarica acuta, che alti livelli di TMAO sono predittivi di infarti ed eventi avversi cardiaci maggiori, monitorando l’evoluzione da 30 giorni e a 6 mesi e la mortalità a 7 anni. Il dato è stato poi confermato su un ampio studio di popolazione in Svizzera anche col conforto dell’angiografia coronarica”.

Si è verificato dunque, che il valore di TMAO è un indice attendibile dei rischi di eventi cardiaci acuti a un anno di distanza, identificando tale sostanza come marker di rischio per gli eventi cardiovascolari. Il range di concentrazione plasmatica di TMAO ritenuto fisiologico è molto basso, pari a circa 50-150 microgrammi per litro di sangue. Per un’accurata misurazione di TMAO nel plasma era necessaria dunque una tecnica analitica di notevole sensibilità, precisione e riproducibilità. Ebbene i laboratori hanno messo a punto una tecnica per misurare la concentrazione plasmatica di TMAO. “Tale metodo” aggiunge Novellino – è veloce (consente di fornire il risultato entro massimo 2 ore dal prelievo) ed estremamente sensibile. Inoltre, l’analisi è possibile su un quantitativo di sangue non superiore a 0.5 millilitri che viene prelevato dal dito mediante l’uso di un pungidito”.

uva aglianico

Ma non è tutto:

il fattore di rischio rappresentato da TMAO è modificabile. “A tal proposito“, spiega ancora Novellino – in da un recente studio pubblicato su Nature Medicine è emersa una nuova classe di farmaci attivi nel ridurre la produzione intestinale del precursore trimetilammina (TMA), che verrebbe poi convertito nella sua forma ossidata TMAO a livello epatico. Tuttavia, tali studi sono riferiti al modello animale. Studi sull’uomo relativi ad un possibile approccio terapeutico non sono ancora disponibili”.
E qui entra in gioco l’estratto polifenolico di vinaccia di Vino rosso “I laboratori NutraPharmaLabs del nostro Dipartimento universitario“ conclude Novellino “hanno però formulato un innovativo prodotto nutraceutico che si è rivelato particolarmente efficace nel ridurre i livelli plasmatici di TMAO. Tale prodotto, a base di estratto polifenolico di vinaccia della varietà Aglianico e Taurasi, che è stato capace di portare a circa un terzo la concentrazione originaria di TMAO già ad un mese di trattamento.
Ora reclutiamo altri volontari per proseguire lo studio prima di rendere disponibile ai pazienti tale prodotto che conferma il ruolo protettivo del vino rosso per le arterie come già documentato in molti studi clinici”. Il vantaggio del nutraceutico rispetto al vino? La possibilità di concentrare in una sola capsula l’equivalente di polifenoli contenuti in tre quanti di litro di buon vino rosso che a tavola non va consumato oltre la dose di un bicchiere a pasto per evitare che ai benefici per le arterie di correlino danni al fegato.

Nei prodotti Ferrero solo nocciole irpine

Nei prodotti Ferrero solo nocciole irpine

nocciole

 

La Ferrero Spa di Sant’Angelo dei Lombardi (Av) attiva in Irpinia il Progetto Nocciola Italia che propone la concreta opportunità di riconversione e valorizzazione di ampie superfici del territorio, diventando così strumento di sviluppo economico, sociale e sostenibile.di filiera già avviato in altre regioni come l’Umbria e il Piemonte, dove l’azienda leader mondiale nel comparto dolciario ha promosso importanti iniziative di riconversione di terreni e acquisto a km zero del prodotto, per amplificare il valore del prodotto e del made in Italy.

L’obiettivo incrocia gli indirizzi della politica agricola fissati dal Ministero per le politiche agricole sull’incremento delle coltivazioni, e quelli della Regione Campania, che ha messo in campo una dotazione finanziaria straordinaria a sostegno dell’agricoltura e dell’ingresso dei giovani nel comparto. In Irpinia sono infatti centinaia i proprietari di fondi e terreni disposti a prendere contatti con l’azienda di Contrada Porrara di Sant’Angelo dei Lombardi per partecipare al progetto.

Progetto Nocciola Italia, è promosso dalla Ferrero Halzelnut Company, la divisione interna del Gruppo Ferrero interamente dedicata alla nocciola, e mira a sviluppare una produzione corilicola 100% italiana, attraverso la creazione di un sistema di sviluppo territoriale, condiviso con gli attori della filiera, a sostegno degli imprenditori agricoli italiani.
L’Irpinia intanto, parte da una condizione di grande vantaggio, grazie al primato che conserva in Campania per la produzione di nocciole e frutta secca in generale.

La nocciolicultura è una pratica dominante soprattutto nei territori del Vallo di Lauro e nel Baianese, nella Valle del Sabato, nel Partenio e nella Valle Caudina.

Le varietà Mortarella, Camponica e San Giovanni, sono riconosciute dal Ministero delle politiche agricole come “prodotto agroalimentare tradizionale italiano”.

Attraverso il progetto, l’azienda garantisce ai produttori in ottica di lungo periodo, un impegno all’acquisto, mette a disposizione gratuitamente strumenti tecnologici per la gestione integrata e moderna delle piantaggioni, per favorire il monitoraggio dello stato di salute dei noccioleti, con l’obiettivo di generare un flusso di gestione delle piantagioni sostenibile e consapevole; si impegna nel creare una nuova filiera corilicola italiana seguendo i principi della tracciabilità e sostenibilità delle produzioni; mette a disposizione le proprie competenze nella scelta delle varietà più adatte e fornire consulenza, avvalendosi anche di importanti istituti di ricerca, in analisi “pedo-climatiche” per facilitare l’individuazione di aree idonee alla coltivazione del nocciolo.

La Ferrero Hazelnut Company si rivolge a tutte le associazioni di categoria del comparto agricolo per il lancio del “Progetto Nocciola Italiana”,
sull’intero territorio nazionale.
Sarà lanciato un programma di incontri ed eventi sul territorio, con i principali stakeholder dell’intero settore agricolo Italiano (Istituzioni, Associazioni di categoria, aggregazioni di produttori) per far conoscere e promuovere i princìpi ispiratori e il valore sociale ed economico, racchiusi nel Progetto Nocciola Italia.

Diamoci una scossa!

Diamoci una scossa!

Diamoci una scossa 2018

Novembre è dedicato alla Prevenzione Sismica

Per la prima volta in Italia istituito novembre come mese della prevenzione Sismica. In molte piazze italiane esperti del settore, ingegneri e architetti, a dialogo con i cittadini.
Le piazze di tutta Italia, quindi, per un giorno diventano Piazze della Prevenzione. Architetti e ingegneri, esperti in prevenzione del rischio sismico, incontreranno i cittadini per dare informazioni utili per la sicurezza della casa.

diamoci una scossa 2018

Perché questa iniziativa?

L’evento sismico, come ben sappiamo, è un evento imprevedibile ma arginabile, attraverso misure che migliorino la sicurezza. Dal 30 settembre, e per tutto il mese di ottobre, i cittadini interessati possono prenotare una visita informativa, totalmente gratuita.
Il sopralluogo, effettuato da professionisti del ramo, darà esito sulla rischiosità dell’immobile. Nel corso della visita, inoltre, i cittadini potranno anche chiedere informazioni su come ottenere le agevolazioni finanziarie messe a disposizione dallo Stato, col Sisma Bonus ed Eco Bonus, che consentiranno di risparmiare fino alll’85% nel caso in cui siano necessari lavori di adeguamento dell’immobile interessato.
I contribuenti che eseguono interventi per l’adozione di misure antisismiche sugli edifici esistenti possono detrarre una parte delle spese sostenute dalle imposte sui redditi. La percentuale di detrazione e le regole per poterne fruire sono diverse a seconda dell’anno in cui la spesa viene effettuata.

Possono richiedere una visita tecnica informativa:
 il Proprietario dell’immobile, l’Affittuario, un Amministratore di condominio, un Mandatario di condomini o un Titolare di diritto (usufrutto, uso, etc.).
Laddove nell’edificio siano presenti più unità abitative la richiesta può pervenire da uno solo degli aventi diritto. Nel caso in cui il numero di unità abitative dell’edificio sia superiore a nove la richiesta può essere fatta solo dall’Amministratore di condominio.

CHI SVOLGE LA VISITA
Le visite saranno svolte esclusivamente da Architetti e Ingegneri esperti in materia di rischio sismico che partecipano volontariamente all’iniziativa, senza alcun costo per il Cittadino. Il Professionista che svolgerà la visita sarà comunicato per tempo al Cittadino via sms ed e-mail nei giorni antecedenti la visita.

QUANDO È POSSIBILE CHIEDERE UNA VISITA
La visita sarà svolta nel giorno e nell’orario risultante dall’incontro tra le disponibilità indicate dal Cittadino, in sede di richiesta, e dal Professionista, in sede di registrazione.

diamoci una scossa 2018

CHIEDI UNA VISITA TECNICA INFORMATIVA, NON COSTA NULLA

Le visite tecniche informative non hanno alcun costo a carico del Cittadino. La Giornata Nazionale della Prevenzione Sismica è infatti un’iniziativa sociale e le attività svolte dal Professionista sono di natura informativa. Il Cittadino può richiedere una visita tecnica informativa inserendo semplicemente poche informazioni relative all’abitazione e indicando le proprie preferenze in termini di giorni.
Le visite tecniche informative potranno essere richieste dal 30 settembre al 20 novembre 2018.

Prenota la visita gratuita! Clicca qui

Gli itinerari di Trekking Campania

Gli itinerari di Trekking Campania

trekking campania 2

Punto cardine delle proposte escursionistiche di Trekking Campania “OFFICINAE ITINERIS” sono le escursioni proposte (a piedi, in mountainbike con le ciaspole) che penetrano in lungo e in largo tra queste le montagne appenniniche, che propongono di attraversare zone in cui “regnano” ancora i silenzi e i profumi di una natura intatta e incontaminata; che sfiorano scogliere d’inaudita bellezza.

Essi sono evidenziati da molteplici caratteristiche tra cui, le più emergenti, sono quelle che possono essere individuati o come “singoli percorsi” escursionistici giornalieri, oppure possono essere effettuati nell’arco di un week-end anche perchè, nascono e terminano in prossimità di strade carrabili (quindi facilmente accessibili !) o di centri abitati (quindi facilmente raggiungibili perchè vicini alla vie di comunicazione più importanti).

Gli itinerari che attraversano i territori in Campania raccordano in un’infinità di emozioni e, dopo ore di cammino in cui si costeggiano dirupi, si penetra nei fittissimi boschi di castagno e si attraversano le immense faggete d’altura, si cammina lungo i crinali dai forti pendii, si attraversano rigogliose vallate, si transita lungo corsi fluviali dalle cristalline acque, si sfiorano profili di cresta sommitali, lungo paesi in cui il “nuovo” si mescola ai ricordi della storia, si godono incantevoli vedute panoramiche, si medita in luoghi considerati sacri, si riscoprono antiche civiltà e il riutilizzo di vecchi mestieri, si ripercorrono i cammini della fede e si seguono le tracce di antiche vie minerarie, si ripercorrono, così, tutte le falde di queste meravigliose montagne che, coi suoi numerosi casali, coronano il territorio venendo a formare una delle più grosse aree outdoor dell’intero comprensorio montuoso meridionale: l’Appennino Campano.

Scherma: uno sport completo

Scherma: uno sport completo

scherma 2017 italia mondiali

 

È uno sport davvero per tutti, sia bambine che bambini, che possono iniziare a praticarlo a partire dai sei anni d’età. Uno sport completo che non richiede particolari capacità fisiche e che sviluppa agilità, velocità ed equilibrio, anche psicologico.

Uno sport, tre discipline

La scherma comprende tre discipline: la spada, il fioretto e la sciabola. Tre armi diverse e con tre importanti differenze concettuali: in primo luogo la spada e il fioretto sono armi di punta, mentre la sciabola è un’arma di punta, taglio e controtaglio. Seconda differenza, il fioretto e la sciabola sono armi convenzionali, che si regolano quindi su una convenzione (per avere il punto si deve attaccare e toccare; se invece si viene attaccati si deve parare e rispondere), mentre la spada è un’arma non convenzionale (ha ragione e ottiene il punto l’atleta che tocca per primo). Terza, ma non ultima per importanza, il bersaglio valido nella spada è tutto il corpo, nel fioretto è invece il tronco, mentre nella sciabola è il corpo dalla cintura in su, braccia e testa comprese.

Perchè sceglierla?

Preferire uno sport come la scherma ha numerosi vantaggi. Secondo gli esperti, uno sport come la scherma è da preferire o da scegliere perchè favorisce:
1. lo sviluppo dell’intelligenza e delle capacità di strategia
Per essere un buono schermidore occorrono strategia e riflessi pronti perchè l’avversario può sferrare un attacco in qualsiasi momento. Acquisire riflessi rapidi è uno dei benefici maggiori della scherma. Inoltre, come anche molti altri sport, la scherma insegna un profondo rispetto sia della vittoria, sia della sconfitta;

2. lo sviluppo delle capacità motorie
Dal punto di vista fisico, gli aspetti più importanti sono legati alla coordinazione, reattività e riflessi pronti.

Il rispetto delle regole e della disciplina

Prendere decisioni difficili, analizzare i problemi e “pensare veloce su due piedi” aiuta a sviluppare competenze in aree diverse da quella propriamente motoria. Gli educatori stanno scoprendo, ad esempio, che la scherma può migliorare le prestazioni matematiche.

Gestione dei conflitti e disturbi di attenzione

La scherma è utile nei bambini con disturbi di iperattività e di concentrazione perché è uno sport individuale: lo schermidore è l’unico responsabile del suo successo o fallimento di cui ha un’assoluta e totale responsabilità. Deve cioè, stare attento!

La socializzazione

Molte scuole di scherma hanno squadre e partecipano a tornei e gare. Anche se è uno sport a due, la scherma è anche uno sport agonistico e di squadra.

 

scherma

Il Comitato Regionale Campano

Il Comitato Regionale Campano nasce nel 1954. Il primo Presidente fu Michelangelo Mastrocinque eletto il 24 maggio del 1954. Poi si susseguirono Ciro Agrelli, Nando Di Nardo, Ugo Novia, Mario Romanelli, Donato Messore, Giulio Mallardo, Vittorio Guercia, Mario De Miranda, Oreste Celentano, Enrico Campoli, Filippo Sabbatini, Edmondo Santangeli, Giancarlo Lucarelli e Luigi Campofreda. Dal 4 febbraio 2001 ad oggi il presidente in carica è Matteo Autuori.

 



Dove praticare la Scherma in Campania

L’arte di guarire, guarire con l’arte

L’arte di guarire, guarire con l’arte

farmacia museo arti sanitarie

Da un’esposizione realizzata nel 2010 in occasione della celebrazione della fondazione dell’ospedale “Gli Incurabili” di Napoli che si festeggia il 23 marzo, è stato istituito il primo nucleo del museo delle Arti Sanitarie e di Storia della Medicina, nella cui biblioteca e sale espositive, che si sviluppano sui 4 piani dell’edificio, sono confluite una collezione privata di libri e strumenti medici, donazioni e beni di carattere storico-sanitario provenienti da antiche strutture ospedaliere afferenti all’ASL NA1 Centro, di cui il Museo rappresenta anche il centro di catalogazione, documentazione e ricerca.

Vecchi ferri e antichi strumenti medici, stampe e libri messi insieme per salvare la memoria della scuola medica napoletana e della storia sanitaria del Sud.

Un luogo della memoria delle arti sanitarie realizzato in sinergia con l’ospedale, l’ASL Napoli 1 centro e i volontari dell’associazione “Il faro d’Ippocrate” dove le sale espositive sono intitolate ai numi tutelari della scuola medica napoletana: Domenico Cotugno, Domenico Cirillo, Giuseppe Moscati, Giovanni Ninni, etc…

Nel cortile degli Incurabili, tra gli eleganti elementi in piperno, le corti cinquecentesche e le antiche sale dell’ospedale fondato dalla catalana Maria Lorenza Longo, si respira un barocco un po’ speciale: qui l’arte aiuta a guarire. In un tempo in cui le malattie erano collegate al castigo divino ed i farmaci ben poco efficienti, le preghiere di tante istituzioni dedite alla carità aiutarono a scongiurare malattie ed epidemie. Suore e frati con accanto volontari di ogni ceto sociale della città alleviarono il dolore e le sofferenze e resero accettabile anche la morte. Il barocco che meraviglia, stupisce in questo antico stabilimento ospedaliero per la sua unità di espressione. La vocazione ospedaliera del luogo fu tenuta certamente in gran conto da architetti quali Domenico Antonio Vaccaro, Bartolomeo Vecchione ed altri che studiarono il flusso dei venti, la salubrità collinare del luogo e l’impianto, nei ricchi chiostri annessi, di piante ed erbe medicinali. Se la Farmacia fu salone di rappresentanza di quello che fu poi, per il suo livello organizzativo e scientifico, l’ospedale di riferimento dell’intero Reame, non sono da meno la cappella dei Bianchi della Giustizia, la chiesa di Santa Maria del Popolo, lo scalone del convento delle Pentite e le splendide sale mediche. Insomma il visitatore nel cortile, che è un’autentica piazza del sapere medico, è preso dalla vertigine dei nomi e delle cose che rappresentano, secondo una visuale nuova per molti napoletani, la storia più profonda della città. Medici illustri, pazienti eccellenti, predicatori e santi ispirati, insieme a volontari benevoli, costituirono un autentico monumento congiunto della carità e della cultura medica a Napoli.
La bellezza degli affreschi fiamminghi del chiostro di S. Maria delle Grazie a Caponapoli fanno da pendant all’orto medico con al centro il grande albero di canfora che dava ombra, profumi ed essenze che curarono i mali a quell’epoca incurabili. Ma l’ospedale, accanto alle bellezze artistiche, rappresenta per Napoli un forte polo della cultura scientifica e in particolare medica: dall’Accademia degli Oziosi alla Scuola Medica Napoletana si legge il cammino di una scienza che nell’Illuminismo si affianca alla forte tradizione alchemico-esoterica che permea la cultura bio-medica dell’antica capitale. Qui la storia incontra la malattia e l’arte lenisce il dolore per lo stupore e l’incanto di chi osserva attraverso i fatti del dolore e della malattia la storia della città. Macchine anatomiche del Settecento in cartapesta e stampe mediche testimoniano la vocazione per la dissezione fine dell’anatomia; farmacie portatili, antichi microscopi accanto a clisteri d’epoca raccontano l’evoluzione di una scienza e i suoi riflessi sulla società. In particolare si raccontano l’avventura del barbiere che si trasforma in chirurgo e gli esordi dell’anestesia, realizzata in Italia per la prima volta in questo Ospedale.

Gli oggetti riportati sono strumenti medici di straordinaria fattura, opera spesso di un artigiano che lavorava a stretto contatto con un committente esigente. Questi strumenti ci riportano alla storia dell’ospedale e dei suoi tanti primati sanitari e al difficile cammino della scienza medica. Alle spalle una biblioteca e un archivio fotografico e documentario per colmare le lacune della storia sanitaria del Sud, che poco ha indagato sull’antico ospedale e sulla nascita delle professioni mediche negl’ Incurabili. L’obiettivo è rileggere la storia della città attraverso le malattie e le epidemie, che in vari tempi hanno colpito e flagellato la sua popolazione.
La settecentesca spezieria è il luogo dove l’Arte incontra la Scienza. Qui lo stile Barocco rococò, disegnato da Domenico Antonio Vaccaro, si sposa con l’illuminismo dei maestri di Anatomia e Botanica (Domenico Cotugno, Domenico Cirillo) nell’Ospedale più importante del Regno dei Borbone.
I preparati alchemici dell’antica tradizione aprono il passaggio alla chimica farmaceutica nel luogo dove sapienti artigiani del legno, delle dorature e delle ceramiche approntarono sale ove risuonarono le voci di ricercatori che scrissero la storia del pensiero europeo. In particolare, gli alberelli, le idrie e le riggiole dei fratelli Massa rappresentano un unicum straordinario per l’eleganza dei colori e la raffinatezza del programma iconografico, teso alla funzione esoterico-massonica della Sala grande, ove fa bella mostra di sé la matrice uterina operata. Si tratta dell’allegoria del taglio cesareo salvifico che sottolinea il pregnante ruolo femminile nella storia partenopea.

ITINERARI

MUSEO DELLE ARTI SANITARIE E STORIA DELLA MEDICINA

Via Maria Lorenza Longo, 50 (Contatti: 081440647 – [email protected])
VISITABILE Dal lunedì al sabato: 9.00 – 17.00 – Domenica: 9.00 – 13.00/ Martedì chiuso

PERCORSO GUIDATO “L’ARTE DI GUARIRE… GUARIRE CON L’ARTE

Via Maria Lorenza Longo, 50
Visita guidata della Farmacia Storica, Museo delle Arti Sanitarie, Orto medico e Chiostro di Santa Maria delle Grazie nel complesso dell’ospedale monumentale di S. M. del Popolo degli Incurabili
Quando: Lunedì, Mercoledì, Venerdì, Sabato e Domenica previa prenotazione: 081.440647 [email protected]

VISITA ALLA CAPPELLA DEI BIANCHI DELLA GIUSTIZIA NEL COMPLESSO DI S. M. DEL POPOLO DEGLI INCURABILI

La riapertura è stata resa possibile grazie alla collaborazione sinergica della Diocesi di Napoli, dell’Arciconfraternita dei Bianchi della Giustizia in S. M. Succurre Miseris e dell’Associazione “Il Faro d’Ippocrate”.
Quando: 2 visite al mese che prevedono tre turni: ore 9.15, 10,15, 11,15 (il calendario delle prossime date è visionabile sul sito www.museoartisanitarie.it)
Visitabile previa prenotazione 081.440647 – [email protected]

Il complesso ospedaliero di Santa Maria del Popolo degli Incurabili, scrigno che nasconde i più bei tesori della città, apre un’altra porta, quella della Confraternita dei Bianchi della Giustizia, storicamente aperta al popolo solo due volte l’anno per le funzioni di Pasqua e dell’Assunta e definitivamente chiusa dal 1862. Il valore storico e artistico della sede è incommensurabile, comincia dallo scalone di piperno a tenaglia, passa per la cappella dedicata a Santa Maria Succurre Miseris, con affreschi di Giovan Battista Beinaschi e seicenteschi stalli lignei con figure fantastiche, alla Sacrestia descritta nelle belle pagine di Luci ed ombre napoletane di Salvatore di Giacomo, per arrivare, tra ritratti di confratelli Pontefici e Santi, pregevoli stucchi e Madonne iconograficamente rare, ad un busto in cera di donna popolarmente conosciuto come “la scandalosa”. Si tratta di una ceroplastica del XVIII secolo che mostra tutto l’orrore del “mal franzese”, utilizzata come monito o deterrente per chiunque avesse intrapreso la strada della dissolutezza. La Compagnia dei Bianchi della Giustizia ebbe origine nel 1430 ad opera di S. Giacomo della Marca, che riunì persone di animo pio per suffragare con messe ed elemosine le anime dei giustiziati. Con un “Breve” del 28 luglio 1525, Clemente VII, approvò i capitoli della Compagnia e ne definì lo scopo: “procurare la salute dell’anima di quelli che sono a morte condannati, et visitare i miserabili imprigionati e gli spedali de li ammalati, e quelli spetialmente di mali incurabili infermi”, come si legge negli Statuti del 1525. La Compagnia, che prestò la sua opera caritatevole fino al 1862, dopo diverse sedi, nel 1534, si stabilì presso l’Ospedale degli Incurabili abitando in una casa di proprietà di Maria Longo, fondatrice dell’Ospedale. Qui i confratelli costruirono la cappella intitolata a Santa Maria Succurre Miseris, che conserva tuttora pregevoli opere d’arte e testimonianze di una intensa e interessante storia.

PERCORSO “SIRENE, SANTE, PRINCIPESSE, E PROSTITUTE A CAPONAPOLI”

Un percorso che racconta Caponapoli con gli autori della pubblicazione “ La Collina Sacra”
Il Museo delle Arti Sanitarie, con “le Sirene di Caponapoli” , inaugura il primo itinerario attraverso i luoghi raccontati nel libro.
Un percorso al femminile, dal mito della fondazione della città, legato al culto di Partenope, attestato nei luoghi del tempio, proseguendo poi attraverso chiostri, conventi ed ospedali per raffigurare come il femminile si sia declinato lungo la storia plurimillenaria di Napoli, attraverso le diverse attitudini delle donne partenopee: sacerdotesse vergini dedite al culto della Sirena Partenope, o a quelli di Demetra ed Ecate con i relativi riti misterici ed oracoli; più tardi, monache consacrate alla preghiera e alla cura degli infermi bisognosi, tutte di diversa estrazione sociale e provenienza: principesse di nobile stirpe ma anche prostitute redente, sempre rigorosamente separate tra loro. Ed ancora, nobili dame, poetesse ed intellettuali votate a praticare caritatevole assistenza, tutte accomunate da un fil rouge, il binomio SANTITÀ-SANITÀ. Il percorso continuerà con la fondazione dell’Ospedale degli Incurabili e la visita alla Farmacia Storica.
Quando: 2 visite al mese previa prenotazione: 081.440647_ [email protected] (il calendario delle prossime date è visionabile sul sito www.museoartisanitarie.it)
Punto d’incontro: Porta San Gennaro, (lato Pizzeria Capasso) in via Foria, adiacenze stazione metropolitana di P.zza Cavour.

 

Non temerli, raccoglili! 2018

Non temerli, raccoglili! 2018

legambiente puliamo il mondo

Dal 1993 Legambiente coordina l’edizione italiana di Clean up the World, il più grande appuntamento di volontariato ambientale nel mondo. La campagna internazionale, nata a Sidney nel 1989, coinvolge ogni anno oltre 35 milioni di persone in circa 120 Paesi. In questi anni Puliamo il Mondo ha raccontato un’Italia diversa, l’Italia dell’impegno, della partecipazione, del senso civico, dell’accoglienza e della solidarietà, l’Italia della legalità che non smette di sognare e sperare, l’Italia pronta a costruire un mondo migliore, fare comunità e ridare bellezza ai luoghi più degradati del Belpaese. Puliamo il Mondo è un’iniziativa di cura e di pulizia, un’azione concreta, per chiedere e avere città più pulite e vivibili. Un piccolo gesto di grande valore educativo che contribuisce a sviluppare il senso il senso civico dei partecipanti.

Il Circolo Legambiente “Valle Solofrana” Solofra-Montoro aderisce all’edizione 2018 e in collaborazione con il Comune di Solofra sarà impegnato i giorni 28 e 29 settembre. Durante la mattina di venerdì 28 settembre, dalle ore 9.00 alle ore 12.00, protagonisti saranno gli alunni delle classi quinte della primaria dell’Istituto Comprensivo “F. Guarini”, che per le strade cittadine armati di “Ecomulte” sanzioneranno coloro che per la “Fretta” spesso dimenticano il “Rispetto”.
Mentre domenica 30 settembre il Circolo “Valle Solofrana” invita ed attende i cittadini volontari dalle ore 9.00 presso l’area verde della Castelluccia di Solofra per una pulizia del parco circostante la chiesetta della Madonna dell’Assunta con un monitoraggio e censimento delle microdiscariche, che circondano l’area e costeggiano la strada di collegamento con la frazione Banzano di Montoro. L’abbandono dei rifiuti è frutto dell’ignoranza di chi smaltendo illecitamente e senza seguire i consueti iter burocratici ed economici mette a rischio la salute delle persone e dell’ambiente. Successivamente si porrà l’attenzione sullo sgretolarsi del costone roccioso del Monte San Marco in attesa, dal 2006 quando Legambiente già ne segnalò il pericolo, della messa in sicurezza.

Con Puliamo il Mondo vogliamo creare occasioni di incontro tra i cittadini per stimolare la diffusione di impegno civile diffuso e quotidiano ma anche di prevenzione, con la consapevolezza che le risorse del Pianeta non sono inesauribili. I volontari di Legambiente rinnovano l’invito a partecipare a tutti i cittadini e alle associazioni di volontariato del territorio.

Scopri tutti i CIRCOLI LEGAMBIENTE della CAMPANIA

INFORMAZIONI
[email protected]
www.puliamoilmondo.it

 

 

Sagra della Castagna IGP 2018

Sagra della Castagna IGP 2018

castagna sagra montella 2018

Montella (Av) dal 2 al 4 novembre 2018

La Sagra della Castagna nasce a Montella nel 1977, con l’intento di far conoscere e degustare un frutto molto ricercato per le sue proprietà nutrizionali, assimilabile come lo zucchero, ed estremamente genuino.Questa manifestazione, che si svolge a Montella nel cuore della verde Irpinia il 2 – 3 – 4 Novembre 2018 ha ottenuto sin dalla prima edizione un notevole successo, sia per la bontà di questi frutti, sia per la tranquillità del luogo, sia per l’affabilità dei paesani e la capacità organizzativa dell’ Amministrazione Comunale che ogni anno impegna al massimo le proprie energie per la buona riuscita della manifestazione. Quest’anno il paese ospiterà la Sagra aprendo le sue porte ai visitatori che potranno immortalare tutto il suo fascino arricchito sempre più da nuovi elementi, al fine di rendere la permanenza del visitatore sempre più gradevole.

Di seguito le attività proposte dalla Pro Loco Montella in occasione della Sagra della Castagna (per prenotazioni ed informazioni scrivere a [email protected] oppure telefonare al numero 327 8778956 oppure scrivere su WhatsApp 328 9311657

Visita guidata al Complesso Monumentale di San Francesco a Folloni:
– la storia del passaggio di San Francesco di Assisi per Montella, i fatti straordinari di quel periodo ed il primo insediamento dei frati nel 1200;
– la chiesa del 1500 e la chiesa del 1700;
– il monumento sepolcrale del Conte Diego Cavaniglia;
alla fine della visita guidata il gruppo potrà visitare, in autonomia, il museo annesso al Complesso Monumentale di San Francesco a Folloni.

Visita guidata in azienda:
– i processi di lavorazione della castagna da quando il prodotto arriva in azienda fino alla sua trasformazione;
– piccola degustazione dei prodotti ed accesso al punto vendita dell’azienda;

Attività didattica “la Castagna di Montella e l’esperienza della raccolta… la storia, le tecniche di raccolta e gli strumenti”
L’obiettivo dell’attività è trasmettere ai partecipanti momenti di vita contadina attraverso informazioni ed esperienze; mentre ci sarà la raccolta del frutto, in un castagneto che sarà allestito per l’occasione, il personale addetto risponderà a domande e darà informazioni circa la storia, la vita del castagneto, le tecniche di raccolta e gli strumenti.

Visita al Museo della Castagna di Montella
La visita al Museo della Castagna di Montella si esplicita in un percorso conoscitivo e multisensoriale dove è possibile distinguere sei diversi ambienti ciascuno dei quali rende fruibili dei contenuti multimediali e contestualmente fa porre l’attenzione su uno dei cinque sensi. Per conoscere meglio il Museo è possibile visitare il sito web

Mostre e Percorsi culturali
In uno dei rioni storici del Comune di Montella si trovano due palazzi storici, Palazzo Bruni Roccia e Palazzo Capone. Le due strutture saranno allestite con una serie di mostre e percorsi:
– mostra sui personaggi illustri di Montella tra cui Giovanni Palatucci, Filippo Bonavitacola, Salvatore Pelosi;
– mostre fotografiche: Montella ieri ed oggi – il terremoto dell’80 – concorso fotografico Forum dei Giovani;
– mostre di artisti ed artigiani locali;

Mostre entomologiche “Insecta” e “Gioielli a 6 zampe”
La mostra prevede un percorso in ambienti dove sono presenti: terrari con insetti vivi, teche e pannelli informativi; personale addetto accompagnerà il pubblico che potrà simpatizzare con questo mondo vasto quanto ancora sconosciuto che è quello degli invertebrati, potrà scoprirne caratteristiche, abitudini di vita, curiosità ma, soprattutto, ammirare l’innegabile fascino, la ineguagliabile bellezza e l’infinita varietà di forme.

Le due Culture: inaugurerà l’evento il presidente Mattarella

Le due Culture: inaugurerà l’evento il presidente Mattarella

biogem 2018

Il Capo di Stato presenzierà la manifestazione di apertura, in programma dalle 16, con l’introduzione del Presidente di Biogem Ortensio Zecchino.

Seguiranno gli interventi di Remo Bodei (University of California Los Angeles, USA) su “Il cielo stellato sopra di noi. Strategie per la nobilitazione dell’uomo” e Vincenzo Barone (Direttore Scuola Normale Superiore di Pisa) su “Un affascinante viaggio tra le stelle: alla ricerca di molecole prebiotiche negli spazi siderali”.
Fitto il calendario di appuntamenti che vede i suoi momenti clou nell’incontro con Jean-Marie Lehn, premio Nobel per la Chimica nel 1987 e attuale direttore del Laboratory of Supramolecular Chemistry Université de Strasbourg Collège de France sul tema “Steps Towards Life: Chemistry!” (sabato 8 settembre 2018, alle 18.45) e Antonino Zichichi, che domenica 9 settembre, alle 18.30, sarà intervistato dal giornalista e conduttore RAI Gigi Marzullo.
Nel corso dell’ultima serata saranno consegnati, alle 20, il Premio Letterario “Maria Antonia Gervasio” e i Premi Giornalistici “Maria Antonia Gervasio” ai vincitori delle sezioni “Miglior servizio giornalistico sul tema: Le ultime notizie dallo spazio: i nuovi studi sul cosmo” e “Miglior servizio giornalistico su tematiche legate al mondo della ricerca nazionale e internazionale” riservato ad autori under 30.
Chiuderà il meeting il saluto di commiato del presidente di Biogem Ortensio Zecchino.

PROGRAMMI SERALI
Mercoledì 5 settembre
Concerto del duo Gaetano Di Bacco – Antonella De Vinco,
sassofono-pianoforte
J. Demersseman, Fantaisie sur un thème original
D. Milhaud, Scaramouche
D. Shostakovich, Waltz N.2 da Suite Jazz
P. Iturralde, Suite Hellenique, Kalamatianos, Funky-valse, Kritis, Kalamatianos
A. Piazzolla, Tanti anni prima, Jeanne Y Paul, Oblivion, Libertango,
R. Galliano, Tango pour Claude

Giovedì 6 settembre
Percorso tra le stelle
a cura del Prof. Favale e dell’Ing. Zarrella
Musica e poesie “celesti”
Ilaria Bevere, voce – Nicoletta Vito, flauto traverso

Venerdì 7 settembre
“Il senso della bellezza – Arte e Scienza al Cern”
Regia di Valerio Jalongo
Passi scelti da Antonio Ereditato

Sabato 8 settembre
Concerto del Pianista Francesco Nicolosi
Franz List
Hexameron, Grandi Variazioni di bravura sulla Marcia dei Puritani di Bellini, S 392
dalle Années de Pélerinage, Italie, Sonetto del Petrarca, n. 104, S 270
Parafrasi sul Rigoletto di Verdi, S 434
Rapsodia Spagnola, S 254

Domenica 9 settembre
Pittura e land art
Ettore de Conciliis
Proiezione del documentario “Il riflesso dipinto”, regia di Carlo Laurenti

Gran Concerto di fine Estate 2018

Gran Concerto di fine Estate 2018

violino spartito

IN MEMORIAM 11.09.2001

L’Estate 2018 ad Avellino volge a chiusura con un nuovo evento che sta ormai entrando nella tradizione della proposta culturale della città: il GRAN CONCERTO DI FINE ESTATE. Per l’occasione si è voluto omaggiare la memoria delle vittime dell’attentato alle Torri Gemelle di NEW YORK, scegliendo la simbolica data dell’11 Settembre e decidendo di creare un messaggio di pace e unione dei popoli attraverso una delle partiture più celebri e suggestive del panorama sinfonico corale: la SINFONIA n°9 op. 125 di L. VAN BEETHOVEN. Da qui l’evento IN MEMORIAM – 11 09 2001, in programma martedì 11 Settembre 2018 alle ore 20.30 presso l’Auditorium del Conservatorio D. Cimarosa di Avellino.

A realizzarlo l’ASSOCIAZIONE ZENIT 2000 di Avellino, con la direzione artistica del M° Massimo Testa, con il patrocinio della Regione Campania, Assessorato allo Spettacolo, in collaborazione con il Conservatorio D. Cimarosa, CASTELLI D’IRPINIA e l’Associazione Per Caso sulla Piazzetta di Avellino, a cura di Tina Rigione, la Cooperativa MUSICAINSIEME, il Lions Club Avellino Host. Per la prima volta ad Avellino l’ORCHESTRA SINFONICA DI ARAD, una delle più prestigiose del panorama sinfonico della Romania, in collaborazione con il Management Event “BULGARIA CLASSIC”.

Torna il CORO LIRICO PUGLIESE, diretto dal M° ANNA LACASSIA. Solisti d’eccezione il soprano CHIARA POLESE, il mezzosoprano PATRIZIA PORZIO, il tenore GIUSEPPE MAIORANO, il baritono ANTONIO STRAGAPEDE. La Direzione Musicale è affidata all’ispirata bacchetta del M° MASSIMO TESTA. L’evento, con l’ormai consolidata partecipazione di CASARREDO di MONTEMILETTO, prevede ingresso a biglietto, con posto numerato e prenotazione in prevendita. Altre notizie su: http://www.massimotesta.com

L’esperto maestro irpino, personalità di spicco del panorama locale e nazionale, riapre le attività sinfoniche nella città natale con un impegnativo programma musicale, dopo un anno d’intensa attività direttoriale, dedicata in particolare alla didattica e allo slancio e alla promozione delle realtà giovanili del panorama locale, con i suoi ormai consolidati progetti di Orchestra Giovanile sul territorio. L’Associazione ZENIT 2000, intanto, si prepara ad un’intensa attività per la fine del 2018 con un’attenzione speciale alle celebrazioni dedicate a G. Rossini, in occasione del 150° dalla morte, con concerti e laboratorio lirico a lui dedicati.

locandina in memoriam 2018

Pin It on Pinterest