Autismo: workshop ABA per famiglie, operatori e insegnanti

Autismo: workshop ABA per famiglie, operatori e insegnanti

Workshop ABA presso il Centro Sociale di Aiello del Sabato, Sabato 19 Maggio a partire dalle ore 17:00. Verranno esposti i principi di base dell’approccio scientifico A.B.A., con particolare attenzione all’applicazione al disturbo dello spettro autistico.
L’A.B.A. si concentra sui comportamenti socialmente significativi (abilità scolastiche, sociali, comunicative, adattive) e usa i dati derivanti dalla loro analisi per comprendere e migliorare le relazioni che intercorrono fra determinati comportamenti e i luoghi in cui le persone si trovano. Caratteristica fondamentale dell’A.B.A. è quella di essere evidence-based, cioè di utilizzare esclusivamente procedure che hanno validità scientifica riconosciuta.
L’approccio A.B.A. è conosciuto soprattutto in relazione all’autismo, ma non si esaurisce con esso: per la sua strutturazione, può essere utilizzato efficacemente con tutte le tipologie di disabilità intellettiva e coinvolgere tutti gli ambienti di vita, per esempio scuola, oratorio, biblioteca.
Gli incontri sono rivolti alle famiglie, agli operatori e a chiunque voglia conoscere questo approccio scientifico.

Destinatari Diretti :

1. Insegnanti dal 1° anno della scuola materna fino alle scuole superiori ;
2. Genitori dei bambini dal 1° anno di vita.
3. Servizi Sociali del territorio
4. Medici
5. Psicologi
6. Logopedisti
7. Fisioterapisti
8. Tecnici della riabilitazione psichiatrica
9. Terapisti Occupazionali
10. Docenti
11. Associazioni e Cooperative
12. Educatori
13. Insegnanti di sostegno

Destinatari indiretti:
– Famiglie
– Scuola
– Tessuto sociale

Obiettivi specifici
– Formare insegnanti ,educatori,famiglie sull’individuazione dei sintomi dell’Autismo
– Informare la popolazione sull’Autismo, per evitare stereotipi o pregiudizi
– Approfondire la valutazione dei bambini eventualmente segnalati
– Intervenire precocemente sui bambini a rischio

 

locandinaabamaggiocif

 

Pianeta Autismo: la cooperativa avellinese di supporto a pazienti e famiglie

Pianeta Autismo: la cooperativa avellinese di supporto a pazienti e famiglie

pianetaautismo-art

La Cooperativa Sociale Pianeta Autismo nasce nel 2013 dalla volontà di alcuni genitori di persone con autismo e da persone da sempre impegnate nel mondo della solidarietà e della cooperazione.
Oggi è composta da soci lavoratori che raccogliendo lo spirito, le regole e la cultura della cooperazione e dotata di un consiglio d’amministrazione composto dagli stessi soci che attivamente lavorano ai progetti della Cooperativa.
Dall’anno successivo dalla sua costituzione è stata e lo è tutt’ora impegnata con la Asl di Avellino sotto la direzione del Capo Dipartimento Salute Mentale Prof. Antonio Acerra e la direzione scientifica del Primario U.O.C- N.P.I.A Prof. Camillo Vittozzi e la Neuropsichiatra Dott.ssa Annamaria Sarno nella gestione dei “Laboratori clinici sull’autismo” che si svolgono presso la ex scuola di Bellizzi Irpino in Avellino.

La sua vocazione, le professionalità e le esperienze dei suoi soci, nonché lavoratori sono aperte all’assistenza, alla cura e al sostegno di ogni forma di difficoltà, disabilità e disagio.

La Cooperativa persegue obiettivi di abilitazione, inclusione e coesione sociale attraverso attività socio assistenziali per soggetti svantaggiati garantendo percorsi che consentano una diagnosi tempestiva e un adeguato progetto terapeutico rivolto all’Infanzia, Adolescenza e età Adulta.
Nel DSM 5 si parla di “disturbi dello spettro autistico”: si fanno rientrare in questa categoria ampia tutti i disturbi che possono interessare il problema dell’autismo, da quello più lieve a quello più severo.

Elemento caratterizzante la diagnosi è che il disturbo deve esordire entro i primi 3 anni di vita del bambino. È importante anche porre attenzione sugli elementi sintomatologici principali: compromissione qualitativa dell’interazione sociale, compromissione qualitativa della comunicazione tout court (sia verbale sia extraverbale), restringimento degli interessi e delle attività, che tendono ad essere ripetitive, quasi compulsive e a volte si accompagnano a delle stereotipie.
Mentre prima si parlava di “autismo infantile”, oggi si parla di “persona autistica”, proprio perché il disturbo inizia in età evolutiva ma segue il percorso di tutta la traiettoria della vita del soggetto, anche in età adulta, anche se cambiano le espressioni e le manifestazioni fenomenologiche del disturbo. I due cardini fondamentali del problema sono dunque rappresentati dalla diagnosi precoce e dall’intervento tempestivo.

Autismo: il convegno del Cif per accogliere e informare

Autismo: il convegno del Cif per accogliere e informare

locandina-cifIl 23 aprile alle ore 16.00 presso il Centro Sociale “Maria Teresa Di Calcutta” di Aiello Del Sabato (Av), si terrà il convegno: “Autismo tra stereotipi, diagnosi, trattamento, vita familiare e sociale”, organizzato dalla locale sezione del Centro Italiano Femminile.

L’iniziativa nasce dall’idea di sensibilizzare l’intera comunità al fenomeno crescente, che interroga tutti gli ambiti e i settori sociali e istituzionali ad ogni livello.

L’obiettivo specifico è quello di coinvolgere e “accogliere” le famiglie, nella consapevolezza di un quadro più complesso e non isolato.

“Abbattere lo stigma e la stereotipia sono traguardi paralleli, che ci impegniamo a sconfiggere”, dichiarano dal Cif.
Numerosi saranno gli interventi di esperti del settore e rappresentanti istituzionali.

Solo per i partecipanti all’evento ci sarà la possibilità di seguire il corso in FAD
La Comunicazione Aumentativa Alternativa” da 18 crediti ECM
al costo di € 20,00 (anziché € 23,00).
Per info e prenotazioni: – cell.:3356534261
https://www.facebook.com/cifaiellodelsabato/

Mi hanno detto che sono affetto da autismo

Mi hanno detto che sono affetto da autismo

Una storia d’amore che vede come protagonisti Miriam e Sean. Lui è affetto da autismo ad alto funzionamento, lei lo capisce e lo comprende e con la razionalità lo aiuta a superare le sue difficoltà. Sean è misterioso, sincero, spontaneo, non conosce nè la menzogna nè l’inganno; è molto intelligente, l’ascolta, la segue. Lei rimane incantata dalla sua purezza e dalla sua immensità.
Dunque l’amore, in tutte le sue forme, può cambiare la vita, può fare miracoli e rendere tutto possibile. Tutto il ricavato delle vendite sarà devoluto al Centro per l’autismo di Avellino.
Grazie a tutti coloro che lo compreranno. Ogni libro acquistato è un piccolo pezzo di un puzzle che raffigura l’amore.
La prefazione è del Presidente della Fondazione Italiana per l’Autismo (FIA), Davide Faraone.
Scipione Pagliara, medico endocrinologo, è padre di Francesca, 31 anni autistica. Ha scritto “Ad Ulisse andò anche meglio” (Youcanprint, 2016), in cui racconta le battaglie di un’associazione e l’esperienza personale di un genitore in una vita cambiata dal destino.
Testimonianza e denuncia. Per questo ha iniziato a scrivere: per mettersi alla ricerca dei valori perduti. “Mi hanno detto che sono affetto da autismo” è la prima opera edita da Armando Curcio Editore.

Scipione Pagliara

  • Copertina flessibile: 227 pagine
  • Editore: Curcio; New Minds edizione (27 ottobre 2017)
  • Collana: New minds
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8868682222
  • ISBN-13: 978-8868682224