Da Napoli la sfida di #prendi3: quando i social fanno bene all’ambiente

Da Napoli la sfida di #prendi3: quando i social fanno bene all’ambiente

Dall’esempio dell’organizzazione australiana no-profit Take 3, a Napoli nel 2018 è nato #Prendi3. Una sorta di “gioco” lanciato attraverso i social network, con lo slogan: “Invece di Gettare, #Prendi3”. Lo scopo è quello di invertire la tendenza di buttare i rifiuti a terra, specialmente in spiaggia, invitando invece a raccoglierli e gettarli negli appositi contenitori della raccolta differenziata.
La sfida, lanciata attraverso gli account ufficiali su Facebook ed Instagram, vuole ridurre la possibilità che la plastica finisca in mare e per partecipare basta seguire semplici istruzioni:
1) raccogli almeno 3 pezzi di plastica (in spiaggia, al parco, in cittá);
2) scatta un “selfie-utile” all’ambiente e agli oceani con il bottino di plastica che butterai nella raccolta differenziata, copiando e incollando queste istruzioni e usando gli hashtag #Prendi3 #Take3;
3) tagga 3 amici che vuoi invitare a giocare.

spiaggiapulita

Al gioco hanno preso parte anche diverse personalità di spicco come il Ministro Sergio Costa, che ogni estate raccoglie i suoi 3 pezzi di plastica dalla spiaggia di Ascea Marina, l’attore Patrizio Rispo, il musicista Maurizio Capone dei “Capone Bungt Bangt” e altri.
Fino ad oggi sono tantissime le foto i video pervenuti sulla pagina Facebook Prendi3 e il canale Instagram, provenienti non solo dalla Campania, ma da ogni spiaggia e città d’Italia. Visto il successo riscontrato, i promotori di #Prendi3 hanno cominciato ad organizzare anche altre iniziative. Ad esempio le giornate di “Plogging”, attività tipica svedese che deriva dall’unione tra la parola “jogging” e il termine “plocka”, che significa “raccogliere”. Ci si riunisce in città muniti di guanti e sacchetto, per fare jogging e raccogliere la plastica che si trova lungo il percorso. Un momento di unione tra il benessere fisico e quello del pianeta, che diventa anche un’ocassione speciale di socialità.
Altra iniziativa nata dalla community è “#PrendiLAcQUÁ: dove c’è un rubinetto c’è speranza”. L’idea è quella di creare una rete di bar e ristoranti, ma non solo, anche di tutti quei locali che hanno un rubinetto con acqua potabile e che vogliano mettere in pratica il principio secondo il quale l’acqua è un bene comune.

«L’obiettivo di questa campagna – spiegano i promotori di #Prendi3 – è quello di liberarci dalle bottigliette di plastica, coinvolgendo tutti coloro che vogliono applicare il logo della campagna di sensibilizzazione dietro alla vetrina del proprio locale, invitando chi ha con sé la propria borraccia a riempirla con l’acqua del rubinetto. Ad oggi esistono quasi un centinaio di negozi sparsi in Italia tra Lombardia, Basilicata, Puglia, Toscana e prevalentemente in Campania. Stiamo realizzando un sito per mappare tutte le attività, così sarà più semplice per le persone munite di borraccia poter trovare un “rubinetto gentile” dove riempirla. Altra iniziativa – continuano – è #Prendi3Libri e coinvolge le librerie che vogliono regalare un libro a coloro che portano tre bottiglie di plastica in sede. Inoltre c’è la possibilità di scambiarsi i libri com’è avvenuto a Napoli, dove abbiamo realizzato la prima libreria pubblica all’aperto a Piazza Vanvitelli. La libreria è stata realizzata con materiali riciclati e si possono prendere fino ad un massimo di tre libri per poi restituirli o scambiarli con altri. Le iniziative future – concludono dal gruppo – saranno sempre ispirate all’economia circolare, all’educazione ambientale attraverso il gioco e al creare rete tra le realtà associative, istituzionali e imprenditoriali, in modo che si possa andare nella direzione di un’Italia ecosostenibile e che il nostro oceano non venga più martoriato dall’inquinamento da plastica».

Info: [email protected]

Prendi3 Logo

Legambiente Campania

Legambiente Campania

Legambiente Campania logo

Sede Operativa Legambiente Campania
Piazza Cavour, 168 – 80137 Napoli

Recapiti telefonici: Tel. 081/261890 Fax 081/261542
Mail: [email protected]
PEC: [email protected]

Avellino

01
Nome Circolo: LEGAMBIENTE S.Michele di Serino
Presso c/o (sede): Filomena Vittoriano
Città (sede): San Michele di Serino
Mail: [email protected]

02
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Alta Irpinia
Presso c/o (sede): Di Maio Michele
Città (sede): Calitri
Mail: [email protected]

03
Nome Circolo: LEGAMBIENTE “Valle Solofrana” Solofra-Montoro
Presso c/o (sede): Antonio Giannattasio
Città (sede): Solofra
Mail: [email protected]

Benevento

01
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Della Val Val Fortore
Presso c/o (sede): Michele Barbato
Città (sede): San Bartolomeo in Galdo
Mail: [email protected]

02
Nome Circolo: Legambiente Benevento
Presso c/o (sede): Antonio Basile
Città (sede): Benevento
Mail: [email protected]

03
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Valle Telesina
Presso c/o (sede): Grazia Fasano
Città (sede): Telese Terme
Mail: [email protected]

Caserta

01
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Caserta
Presso c/o (sede): D’Angerio Nicola
Città (sede): Caserta
Mail: [email protected]

02
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Mondragone
Presso c/o (sede): Annalisa Marmora
Città (sede): Mondragone
Mail: [email protected]

03
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Volontariato Matese
Presso c/o (sede): Bernarda De Girolamo
Città (sede): Piedimonte Matese
Mail: [email protected]

04
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Pietramelara
Presso c/o (sede): Salvatore Caggiano
Città (sede): Pietramelara
Mail: [email protected]

05
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Alfredo Petteruti
Presso c/o (sede): Pina Petrillo
Città (sede): Sessa Aurunca
Mail: [email protected]

06
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Geofilos
Presso c/o (sede): Antonio Pascale
Città (sede): Succivo
Mail: [email protected]

Napoli

01
Nome Circolo: Woodwardia
Presso c/o (sede): Simone Izzo
Città (sede): Gragnano
Mail: [email protected]

02
Nome Circolo: LEGAMBIENTE La Cicala
Presso c/o (sede): Annamaria Iovino
Città (sede): Nola
Mail: [email protected]

03
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Afragola
Presso c/o (sede): Giusiana Russo
Città (sede): Afragola
Mail: [email protected]

04
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Piccole Grandi Iniziative
Presso c/o (sede): Giuseppe Ragusi
Città (sede): Arzano
Mail: [email protected]

05
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Isola di Capri
Presso c/o (sede): Nabil Pulita
Città (sede): Capri
Mail: [email protected]

06
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Procida – Isola D’Ischia
Presso c/o (sede): Peppe Mazzara
Città (sede): Forio d’Ischia
Mail: [email protected]

07
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Giugliano In Campania
Presso c/o (sede): Vincenza Daniele
Città (sede): Giugliano in Campania
Mail: [email protected]

08
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Napoli Centro Antico
Presso c/o (sede): Anna Maria Cicellyn
Città (sede): Napoli
Mail: [email protected]

09
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Centro Documentazione
Presso c/o (sede): Onesti Valentina
Città (sede): Napoli
Mail: [email protected]

10
Nome Circolo: LEGAMBIENTE La Gru
Presso c/o (sede): Aldo Bifulco
Città (sede): Napoli
Mail: [email protected]

11
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Parco Letterario Vesuvio
Presso c/o (sede): Paola Silvi
Città (sede): Napoli
Mail: [email protected]

12
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Thomas Sankara
Presso c/o (sede): Grasso Giovanni
Città (sede): Napoli
Mail: [email protected]

13
Nome Circolo: LEGAMBIENTE A.R.I.A. Mimmo Beneventano
Presso c/o (sede): Pasquale Raia
Città (sede): Ottaviano
Mail: [email protected]

14
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Palma Campania
Presso c/o (sede): Carmine Vincenzo Sepe
Città (sede): Palma Campania
Mail: [email protected]

15
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Città Flegrea
Presso c/o (sede): Cristina Canoro
Città (sede): Pozzuoli
Mail: [email protected]

16
Nome Circolo: LEGAMBIENTE G.E.N.
Presso c/o (sede): Nicola Montuori
Città (sede): Sant’Antonio Abate
Mail: [email protected]

17
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Somma Vesuviana
Presso c/o (sede): Giovanni Romano
Città (sede): Somma Vesuviana
Mail: [email protected]

18
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Giancarlo Siani
Presso c/o (sede): Giuseppe Oliva
Città (sede): Torre Annunziata
Mail: [email protected]

19
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Il Melograno
Presso c/o (sede): Ignazio Esposito
Città (sede): Vico Equense
Mail: [email protected]

20
Nome Circolo: Legambiente “Terra nostra” Acerra
Presso c/o (sede): Antonella Terracciano
Città (sede): Acerra
Mail: [email protected]

21
Nome Circolo: Legambiente Bacoli
Presso c/o (sede): Gennaro Iuliano
Città (sede): Bacoli
Mail: [email protected]

Salerno

01
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Agropoli Stella Maris
Presso c/o (sede): Chiara Milillo
Città (sede): Agropoli
Mail: [email protected]

02
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Torchiara Ancel Keys
Presso c/o (sede): Adriano Maria Guida
Città (sede): Piazza Torre, Torchiara (SA)
Mail: [email protected]

03
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Pagani
Presso c/o (sede): Calce Gabriele
Città (sede): Pagani
Mail: [email protected]

04
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Occhi Verdi
Presso c/o (sede): Carla Del Mese
Città (sede): Pontecagnano-Faiano
Mail: [email protected]

05
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Vallo di Diano
Presso c/o (sede): Vincenzo Mazza
Città (sede): Pantano di Teggiano
Mail: [email protected]

06
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Freewheeling
Presso c/o (sede): Pasquale Longo
Città (sede): Paestum
Mail: [email protected]

07
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Vento in Faccia
Presso c/o (sede): Alfredo Napoli
Città (sede): Battipaglia
Mail: [email protected]

08
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Vivi La Natura
Presso c/o (sede): Luigi Sommariva
Città (sede): Amalfi
Mail: [email protected]

09
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Oikos Angri
Presso c/o (sede): Luca Capozzoli
Città (sede): Angri
Mail: [email protected]

10
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Valle dell’Irno
Presso c/o (sede): Antonio D’Auria
Città (sede): Baronissi
Mail: [email protected]

11
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Castel S.Giorgio
Presso c/o (sede): Mario Alfano
Città (sede): Castel San Giorgio

12
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Terra Metelliana
Presso c/o (sede): Attilio Palumbo
Città (sede): Cava de’ Tirreni
Mail: [email protected]

13
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Silaris
Presso c/o (sede): Leda Minchillo
Città (sede): Eboli
Mail: [email protected]

14
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Valle del Sarno “Leonia”
Presso c/o (sede): Luana Mattiello
Città (sede): Nocera Inferiore
Mail: [email protected]

15
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Una Vita per Il Mare
Presso c/o (sede): Colella Pasquale
Città (sede): Ogliastro M. – Castellabate
Mail: [email protected]

16
Nome Circolo: LEGAMBIENTE Orizzonti
Presso c/o (sede): Elisa Macciocchi
Città (sede): Salerno
Mail: [email protected]

Legambiente Campania

Legambiente Campania

Legambiente Campania logo

 

Sede Operativa Legambiente Campania
Piazza Cavour, 168 – 80137 Napoli

Recapiti telefonici
Tel. 081/261890 Fax 081/261542
Mail: [email protected]
PEC: [email protected]

Avellino

Nome Circolo: LEGAMBIENTE S.Michele di Serino
Presso c/o (sede): Filomena Vittoriano
Città (sede): San Michele di Serino
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Alta Irpinia
Presso c/o (sede): Di Maio Michele
Città (sede): Calitri
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE “Valle Solofrana” Solofra-Montoro
Presso c/o (sede): Antonio Giannattasio
Città (sede): Solofra
Mail: [email protected]

Benevento

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Della Val Val Fortore
Presso c/o (sede): Michele Barbato
Città (sede): San Bartolomeo in Galdo
Mail: [email protected]

Nome Circolo: Legambiente Benevento
Presso c/o (sede): Antonio Basile
Città (sede): Benevento
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Valle Telesina
Presso c/o (sede): Grazia Fasano
Città (sede): Telese Terme
Mail: [email protected]

Caserta

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Caserta
Presso c/o (sede): D’Angerio Nicola
Città (sede): Caserta
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Mondragone
Presso c/o (sede): Annalisa Marmora
Città (sede): Mondragone
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Volontariato Matese
Presso c/o (sede): Bernarda De Girolamo
Città (sede): Piedimonte Matese
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Pietramelara
Presso c/o (sede): Salvatore Caggiano
Città (sede): Pietramelara
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Alfredo Petteruti
Presso c/o (sede): Pina Petrillo
Città (sede): Sessa Aurunca
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Geofilos
Presso c/o (sede): Antonio Pascale
Città (sede): Succivo
Mail: [email protected]

Napoli

Nome Circolo: Woodwardia
Presso c/o (sede): Simone Izzo
Città (sede): Gragnano
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE La Cicala
Presso c/o (sede): Annamaria Iovino
Città (sede): Nola
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Afragola
Presso c/o (sede): Giusiana Russo
Città (sede): Afragola
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Piccole Grandi Iniziative
Presso c/o (sede): Giuseppe Ragusi
Città (sede): Arzano
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Isola di Capri
Presso c/o (sede): Nabil Pulita
Città (sede): Capri
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Procida – Isola D’Ischia
Presso c/o (sede): Peppe Mazzara
Città (sede): Forio d’Ischia
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Giugliano In Campania
Presso c/o (sede): Vincenza Daniele
Città (sede): Giugliano in Campania
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Napoli Centro Antico
Presso c/o (sede): Anna Maria Cicellyn
Città (sede): Napoli
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Centro Documentazione
Presso c/o (sede): Onesti Valentina
Città (sede): Napoli
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE La Gru
Presso c/o (sede): Aldo Bifulco
Città (sede): Napoli
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Parco Letterario Vesuvio
Presso c/o (sede): Paola Silvi
Città (sede): Napoli
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Thomas Sankara
Presso c/o (sede): Grasso Giovanni
Città (sede): Napoli
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE A.R.I.A. Mimmo Beneventano
Presso c/o (sede): Pasquale Raia
Città (sede): Ottaviano
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Palma Campania
Presso c/o (sede): Carmine Vincenzo Sepe
Città (sede): Palma Campania
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Città Flegrea
Presso c/o (sede): Cristina Canoro
Città (sede): Pozzuoli
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE G.E.N.
Presso c/o (sede): Nicola Montuori
Città (sede): Sant’Antonio Abate
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Somma Vesuviana
Presso c/o (sede): Giovanni Romano
Città (sede): Somma Vesuviana
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Giancarlo Siani
Presso c/o (sede): Giuseppe Oliva
Città (sede): Torre Annunziata
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Il Melograno
Presso c/o (sede): Ignazio Esposito
Città (sede): Vico Equense
Mail: [email protected]

Nome Circolo: Legambiente “Terra nostra” Acerra
Presso c/o (sede): Antonella Terracciano
Città (sede): Acerra
Mail: [email protected]

Nome Circolo: Legambiente Bacoli
Presso c/o (sede): Gennaro Iuliano
Città (sede): Bacoli
Mail: [email protected]

Salerno

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Agropoli Stella Maris
Presso c/o (sede): Chiara Milillo
Città (sede): Agropoli
Mail: [email protected]il.com

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Torchiara Ancel Keys
Presso c/o (sede): Adriano Maria Guida
Città (sede): Piazza Torre, Torchiara (SA)
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Pagani
Presso c/o (sede): Calce Gabriele
Città (sede): Pagani
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Occhi Verdi
Presso c/o (sede): Carla Del Mese
Città (sede): Pontecagnano-Faiano
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Vallo di Diano
Presso c/o (sede): Vincenzo Mazza
Città (sede): Pantano di Teggiano
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Freewheeling
Presso c/o (sede): Pasquale Longo
Città (sede): Paestum
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Vento in Faccia
Presso c/o (sede): Alfredo Napoli
Città (sede): Battipaglia
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Vivi La Natura
Presso c/o (sede): Luigi Sommariva
Città (sede): Amalfi
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Oikos Angri
Presso c/o (sede): Luca Capozzoli
Città (sede): Angri
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Valle dell’Irno
Presso c/o (sede): Antonio D’Auria
Città (sede): Baronissi
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Castel S.Giorgio
Presso c/o (sede): Mario Alfano
Città (sede): Castel San Giorgio

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Terra Metelliana
Presso c/o (sede): Attilio Palumbo
Città (sede): Cava de’ Tirreni
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Silaris
Presso c/o (sede): Leda Minchillo
Città (sede): Eboli
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Valle del Sarno “Leonia”
Presso c/o (sede): Luana Mattiello
Città (sede): Nocera Inferiore
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Una Vita per Il Mare
Presso c/o (sede): Colella Pasquale
Città (sede): Ogliastro M. – Castellabate
Mail: [email protected]

Nome Circolo: LEGAMBIENTE Orizzonti
Presso c/o (sede): Elisa Macciocchi
Città (sede): Salerno
Mail: [email protected]

Circolo Legambiente “Valle Solofrana” Solofra-Montoro

Circolo Legambiente “Valle Solofrana” Solofra-Montoro

Dall’esperienza associativa di cittadini attivi in ambito ambientale e culturale nasce il progetto di un presidio di volontariato nell’Alto Bacino del Sarno: l’area geografica delimitata dai monti Picentini, attraversata dal Torrente Solofrana, fino alla piana montorese ai confini con la provincia di Salerno. Il Circolo Legambiente “Valle Solofrana” Solofra-Montoro tratta temi in materia di beni comuni, gestione dei rifiuti, dissesto idrogeologico, ciclo delle acque, verde urbano e valorizzazione del territorio,.Tra le principali campagne ed attività: Goletta dei Fiumi, monitoraggio delle acque superficiali del torrente Solofrana e fiume Sarno;
“Puliamo il mondo”, riscatto dei luoghi abbandonati e soffocati dai rifiuti; Festa dell’Albero, piantumazione essenze arboree e sensibilizzazione alla cura del verde urbano; “Nontiscordardimé”, giornata dedicata alla qualità e alla vivibilità degli edifici scolastici, Educazione Ambientale, presso le scuole del comprensorio e Fattoria Didattica.

Presidente: Giannattasio Antonio
Sede: Via Aldo Moro, 33 – Solofra (AV)
Recapiti: 3478641421 –  [email protected] – legambientevallesolofrana.blogspot.it

 

 

Fondazione CON IL SUD: 300 mila euro per i progetti del Bando Ambiente 2018

Fondazione CON IL SUD: 300 mila euro per i progetti del Bando Ambiente 2018

 fondazioneconilsud-art

Fondazione CON IL SUD promuove la quarta edizione del Bando Ambiente. Scadenza l’8 giugno 2018.

Le organizzazioni del Terzo settore di Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia possono presentare progetti esemplari per la prevenzione e riduzione dei rischi ambientali all’interno dei Parchi e delle Aree naturali protette meridionali. Oltre al soggetto responsabile, ogni partnership deve prevendere al suo interno la partecipazione degli OdG – Organismo di Gestione delle aree protette oggetto di intervento.

Lo scenario italiano e al Sud non è dei migliori anche dal punto di vista ambientale. Sono oltre 200 le aree naturali protette meridionali minacciate dalla “perdita” delle biodiversità, da inquinamento, incendi e più in generale dal dissesto idro-geologico. Un patrimonio dal grande valore anche culturale ed economico, che deve essere tutelato e valorizzato in chiave comunitaria.
La Fondazione selezionerà le proposte ritenute più valide e capaci di generare valore sociale ed economico sul territorio. I progetti dovranno prestare attenzione alla responsabilizzazione delle comunità locali che insistono sull’area protetta, ad esempio concentrandosi più sull’attivazione di iniziative e comportamenti virtuosi di rispetto e tutela dell’ambiente, che sulla realizzazione di eventi e manifestazioni isolate.
I progetti devono avere una durata compresa tra i 24 mesi e i 36 mesi. La richiesta di contributo non deve essere superiore a 300 mila euro e deve prevedere una quota di co-finanziamento economico di almeno il 20% del costo complessivo del progetto.

Saranno giudicate positivamente le proposte che, tra gli altri criteri: siano caratterizzate dalla chiara definizione degli obiettivi qualitativi e quantitativi, in particolare con riferimento alla riduzione del rischio ambientale individuato; identifichino idonee modalità per il monitoraggio e strumenti quali-quantitativi per la valutazione del progetto; assicurino adeguate garanzie sulla continuità delle attività avviate, in termini di sostenibilità economica e organizzativa, anche oltre la durata dei finanziamenti richiesti; prevedano adeguate modalità di comunicazione per la promozione delle iniziative proposte.

Le proposte di progetto devono essere compilate e inviate esclusivamente online entro le ore 13:00 dell’8 giugno 2018 attraverso il portale Chàiros.

 

“Spa Senzatempo”: relax e benessere senza guardare l’orologio

“Spa Senzatempo”: relax e benessere senza guardare l’orologio

Immaginate di poter fermare il tempo, mettere in pausa gli impegni quotidiani per rifugiarvi in un luogo in cui tornare a respirare davvero, prendendo un momento da dedicare esclusivamente a voi e magari al partner, per ricaricare le batterie insieme senza dover guardare l’orologio.

E se vi dicessimo che non dovete immaginarlo, ma che un posto del genere esiste?

Siamo a pochi chilometri da Avellino, all’interno del Virginia Resort, dove è stata realizzata “Spa senza tempo”, un progetto innovativo che vuole rivoluzionare il modo d’intendere il centro benessere, offrendo agli ospiti un percorso esclusivo attraverso il relax, senza limiti temporali. Avete capito bene: una volta entrati potrete immergervi in questa esperienza a pieno, senza preoccuparvi del passare delle ore, deciderete voi quando tornare al “mondo reale”.
Il centro è strutturato in più aree: un ambiente umido, un ambiente asciutto e ampie zone relax. Ogni ospite avrà a disposizione un armadietto in cui troverà il kit SPA composto da accappatoio, telo e ciabattine.
Potrete iniziare godendo dei vapori del bagno turco ad una temperatura di 47°, per poi ritemprarvi con una veloce doccia e proseguire verso un bagno alla menta, ideale per la cura di riniti e congestioni nasali, e finire con una sosta nell’umidarium, dove troverete un microclima ideale per il benessere delle vie respiratorie. A questo punto potrete fermarvi nella spiaggia del sale, con una piscina d’acqua salata calda e una distesa di sale caldo, ottimo soprattutto per le contratture muscolari. Se siete in coppia poi, non perdetevi la piscina salata “grotte bianche” e lasciatevi accarezzare da caldi idromassaggi all’interno di romantici rifugi.

Arrivati nell’area “secca”, il viaggio continuerà lungo la Himalayan relax, uno snodo interamente realizzato con mattoni di sale rosa dell’Himalaya: in questa zona è possibile fruire dei benefici effetti dell’Haloterapia, rilassandosi nei lettini di coppia. Potrete poi optare per una nuotata nella piscina salata esterna a 18° oppure lasciarvi massaggiare da idrogetti lombari e dorsali, per poi abbandonarvi su una comoda chaise longue nell’altra grande piscina a 36°. Non poteva mancare naturalmente la sauna, riscaldata da un’inusuale stufa a legna ma, se preferite le temperature più miti, potete scegliere la biosauna. Infine non dimenticate di provare la crioterapia: ambienti con luce soffusa, freddo secco e temperatura che si aggira intorno ai – 10°. L’alternanza tra le alte temperature aiuta infatti a riequilibrare la circolazione, donando al corpo un effetto tonificato. Il percorso kneipp, la tipica passeggiata sui ciottoli immersi fino alle ginocchia e la pioggia equatoriale, un’insenatura da cui sgorga un forte getto d’acqua per un deciso massaggio cervicale combinato alla simulazione di una pioggia equatoriale calda, sono l’ultimo step prima di arrivare alla grotta amazzonica, un’area relax tra rocce e canne di bambù.

Le aree relax sono il risultato di un corretto equilibrio tra elementi naturali e complementi d’arredo: nella stanza del fieno ad esempio potrete riposare al calore di lettini ad acqua, godendo dei benefici della cromoterapia o ancora nella “stanza dei nidi” sarete sospesi su chaise-longue ed immersi tra i cinguettii. A disposizione dell’ospite anche frutta fresca, biscotti bio, tisane ed infusi che potrà personalizzare a sua scelta.

 

spa senzatempo logo

 

 

Cats’ Flow Avellino: il parkour come filosofia di vita

Cats’ Flow Avellino: il parkour come filosofia di vita

Uno sport ancora poco conosciuto, a volte incompreso e spesso frainteso: stiamo parlando del parkour, che si propone come molto più che una semplice attività sportiva e deve essere inteso come una vera e propria filosofia di vita.
È difficile tracciarne le origini, ma pare che si tratti di uno sviluppo del metodo di allenamento proposto da Georges Hébert, ufficiale di marina francese, che partiva dal presupposto che è necessario esercitarsi puntando sui movimenti che ogni uomo sa compiere nelle situazioni che la natura gli presenta. Ma è David Belle, figlio di un pompiere addestrato proprio con il metodo hebertiano, che viene indicato come il pioniere del parkour negli anni ’90.

catsflowtettimatera

Poi il web ha fatto il resto: i video di atleti che percorrono le città, interagendo con case, palazzi ed arredi urbani, con salti e spettacolari evoluzioni, hanno fatto il giro del mondo. E sono arrivati fino al capoluogo irpino, dove è nata l’associazione sportiva “Cats’ flow Parkour Avellino”. Il nome è un chiaro riferimento all’agilità e fluidità di movimento dei gatti, veri maestri del parkour.
«Abbiamo cominciato dieci anni fa – spiega il presidente Stefano Iandolo – vedevamo video di persone spericolate che facevano evoluzioni usando il mondo come parco giochi. Abbiamo cominciato per diletto, per poi diventare un’associazione sportiva. Vorrei premettere – continua Iandolo – che il parkour non è “saltare da un palazzo ad un altro”. È una sfida con le proprie paure, non c’è agonismo con altri, ma solo con noi stessi e l’ostacolo che abbiamo di fronte. Il parkour è rispetto della natura e dell’arredo urbano con cui noi possiamo fare evoluzioni per divertimento, ma che poi possiamo sfruttare anche in caso di situazione critica, quando le cose si fanno serie. È aggregazione sociale poiché gli allenamenti si iniziano e finiscono insieme, non lasciando nessuno indietro. È rispetto, delle persone che ci circondano e per l’ambiente, poiché puliamo le zone dove svolgiamo attività all’aperto e usiamo anche materiale riciclabile (come pallet o copertoni ruote) per poter simulare muretti, sbarre o cancelletti su cui poterci allenare».

catsflow-logo
Gli allenamenti vengono svolti la sera in palestra, due volte a settimana con lezioni della durata di un’ora e mezza. Il passaggio alla “strada” invece avviene solo quando l’allievo avrà abbastanza autostima e si riterrà pronto per prendere confidenza con l’arredo urbano e scatenare tutta la propria fantasia da traceur (così viene chiamato l’atleta di parkour).
«Ultimamente – sottolinea il presidente di Cats’ Flow Parkour Avellino – il parkour è stato riconosciuto ufficialmente dal CONI, ma come sempre in Italia siamo molto arretrati, soprattutto riguardo le novità che possono spaventare. All’inizio in città abbiamo avuto problemi di integrazione, poiché invece di vedere ragazzi che svolgevano qualcosa di puro, come aggregazione sociale tramite la nostra disciplina, molti vedevano delinquenti e ladri. Abbiamo avuto molti grattacapo nonostante fossimo una asd riconosciuta a tutti gli effetti. Col tempo hanno imparato a conoscerci e siamo stati più tranquilli. Ora stiamo cominciando anche a portare il parkour e il programma antibullismo nelle scuole, secondo bando di progetto. Nei prossimi mesi vorremmo svolgere anche delle serate dimostrative aperte al pubblico di autodifesa e parkour. Perché fondere le 2 discipline? Perché sono adatti per la difesa e la fuga dopo la neutralizzazione dell’aggressore. Molto utile per le donne, soprattutto di questi tempi purtroppo».

Per info:
Stefano Iandolo, Master Trainer e Presidente
331/4863540 (WhatsApp)

Il Cortiglio Rocca Normanna

Il Cortiglio Rocca Normanna

logo il cortiglio

Il Cortiglio Rocca Normanna è un’azienda agricola biologica con sede principale a Fontanarosa in provincia di Avellino, dove produce principalmente Vino da uve Aglianico e Olio extravergine di oliva biologica. Nelle antiche cantine di Palazzo Troisi (Ex castello), vi è la “vineria agricola” dove è possibile degustare i prodotti aziendali in un piacevole ambiente storico e originale.

Indirizzo: Piazza Cristo Re, 16
Città: Fontanarosa
Provincia: AV
Tel: 0825 1885431

[email protected]
www.ilcortiglio.it

Vela: lo sport che fa bene a corpo e mente

Vela: lo sport che fa bene a corpo e mente

Fa bene al corpo, alla mente e migliora l’umore: la regina degli sport acquatici è sicuramente la Vela. Le ricerche negli anni hanno infatti dimostrato i numerosi benefici che quest’attività sportiva garantisce a chi la pratica.

Già il contatto con il mare, secondo le ricerche scientifiche, sarebbe in grado di attivare aree cerebrali associate a un atteggiamento positivo, alla stabilità emotiva e al recupero di ricordi piacevoli, stimolando il rilascio di sostanze chimiche collegate alla felicità, come la dopamina, la serotonina e l’ossitocina. Ma se questi benefici sono connessi a qualsiasi attività che presupponga il contatto con il mare, tantissimi sono quelli più specificatamente legati alla Vela.
In primo luogo è un’attività che permette di mantenere allenata e attiva la mente. A bordo sono infatti tante le decisioni da prendere rapidamente: questo garantisce lo sviluppo di spirito d’iniziativa, abitua alla gestione dello stress e delle situazioni di pericolo senza perdere la calma.
Se si pratica poi questo sport a livello agonistico non sono necessarie solo le conoscenze tecniche che consentono di sfruttare la forza del vento, ma anche una perfetta forma fisica per poter svolgere le manovre necessarie. La Vela è inoltre un ottimo metodo per sviluppare capacità di team building: è indispensabile infatti che i membri dell’equipaggio si rispettino gli uni con gli altri, svolgendo ognuno il proprio compito.
Da un progetto svedese di recupero di ragazzi considerati difficili e socialmente non inseriti è nata infine anche la cosiddetta “Vela-terapia” che è stata dimostrata essere un aiuto valido al sostegno di numerose procedure psicoterapeutiche.
In Campania esistono dei club a cui rivolgersi per scoprire tutto quello che riguarda questo meraviglioso sport. Scopriamone alcuni.

Club Nautico della Vela di Napoli

Il Club Nautico della Vela di Napoli è un’istituzione storica del capoluogo partenopeo. Fondato nell’estate del 1901 ai piedi dell’antico Castel dell’Ovo, oggi per le sue caratteristiche e potenzialità è uno dei primi Circoli Velici Affiliati alla Federazione Italiana Vela della V zona ed è il 7° Club ultracentenario Italiano.
Nella sua lunga storia il Club Nautico ha gestito diversi eventi importanti come i Campionati Nazionali del Tirreno e il Campionato Nazionale Assoluto IMS, che è la più importante manifestazione italiana per le classi d’altura. Negli ultimi anni sono emersi alcuni atleti d’interesse nazionale e internazionale come Buchberger, Braucci, Apolloni e i due fratelli Montefusco.

Ad oggi, tra i tanti equipaggi e armatori presenti al pontile spicca il nuovo equipaggio di Sexy, composto da Soci Sportivi Under 35 del Club Nautico della Vela, con una nuova armatrice e socia del Club Angela Groger. Oltre all’attività prettamente velica ed organizzatrice, il Nautico si è caratterizzato per una rinomata Scuola Vela d’Altura e giovanile che ha portato alla costituzione di un fulcro unico in campo velico per competenza ed esperienza. L’obiettivo è mirato a far avvicinare giovani e adulti a tutte le attività marinare, al fine di creare momenti di aggregazione con finalità educative, culturali e formative.
L’offerta formativa che offre è completa, sia per le derive olimpiche della classe Laser che per la vela d’altura con i corsi base (Avvicinamento, Perfezionamento e Avanzato). Inoltre, con l’arrivo al pontile del Nautico delle due barche Blusail24 sono stati attivati i corsi regata per tutti coloro i quali abbiano interesse ad avere un approccio più tecnico e competitivo.
Per chi invece preferisce avere un approccio più crocieristico sono attivi i corsi: Crociera e Patente Nautica entro e oltre le 12 mn.

Club Velico Salernitano

Il “Club Velico Salernitano” è nato dall’impegno di sette giovani, amanti del mare e appassionati della vela che, all’epoca poco più che trentenni, l’11 novembre del 1983 costituirono l’associazione.
A loro va il merito di tutte le “battaglie” intraprese per conquistare le aree del porto turistico, per superare le notevoli difficoltà giudiziarie e burocratiche per l’ottenimento delle numerose autorizzazioni per l’installazione dei pontili, per la realizzazione della sede sociale e per le continue sollecitazioni alle autorità competenti per la messa in sicurezza delle strutture portuali.
All’epoca pochi coraggiosi avevano fiducia nel progetto dei soci fondatori, ma oggi il Club Velico Salernitano è una solida associazione sportiva dilettantistica che conta più di 300 soci ed è ben radicata nel tessuto sociale cittadino. In ambito sportivo gli atleti hanno primeggiato nel corso degli anni in competizioni veliche su tutta la penisola italiana ed anche all’estero.

Pertanto il club velico salernitano riscuote stima e l’apprezzamento della Federazione Italiana Vela che gli affida l’organizzazione di manifestazioni veliche di carattere regionale e nazionale. Una delle competizioni storiche che il circolo organizza da più di 30 anni è la Coppa d’Autunno per barche d’altura oltre al campionato d’altura del golfo di Salerno, in sinergia con il comitato circoli velici salernitani di cui il CVS fa parte. La scuola di vela, fiore all’occhiello dal circolo, autorizzata FIV, è dotata di attrezzature a norma, di imbarcazioni e di tutti i mezzi necessari a raggiungere i luoghi di gara. Vengono proposti diversi tipi di corsi, da quelli di avviamento e perfezionamento per bambini, fino ai weekend a vela per gli adulti. Gli allievi, oltre a praticare uno sport sano, nobile e formativo, imparano la cultura del mare ed assumono così i basilari per praticare, da adulti, un diporto nautico sicuro e rispettoso dell’ambiente.

Club Velico Salernitano

Club Velico Salernitano

Il “Club Velico Salernitano” è nato dall’impegno di sette giovani, amanti del mare e appassionati della vela che, all’epoca poco più che trentenni, l’11 novembre del 1983 costituirono l’associazione.
A loro va il merito di tutte le “battaglie” intraprese per conquistare le aree del porto turistico, per superare le notevoli difficoltà giudiziarie e burocratiche per l’ottenimento delle numerose autorizzazioni per l’installazione dei pontili, per la realizzazione della sede sociale e per le continue sollecitazioni alle autorità competenti per la messa in sicurezza delle strutture portuali.
All’epoca pochi coraggiosi avevano fiducia nel progetto dei soci fondatori, ma oggi il Club Velico Salernitano è una solida associazione sportiva dilettantistica che conta più di 300 soci ed è ben radicata nel tessuto sociale cittadino. In ambito sportivo gli atleti hanno primeggiato nel corso degli anni in competizioni veliche su tutta la penisola italiana ed anche all’estero. Pertanto il club velico salernitano riscuote stima e l’apprezzamento della Federazione Italiana Vela che gli affida l’organizzazione di manifestazioni veliche di carattere regionale e nazionale. Una delle competizioni storiche che il circolo organizza da più di 30 anni è la Coppa d’Autunno per barche d’altura oltre al campionato d’altura del golfo di Salerno, in sinergia con il comitato circoli velici salernitani di cui il CVS fa parte.

La scuola di vela, fiore all’occhiello dal circolo, autorizzata FIV, è dotata di attrezzature a norma, di imbarcazioni e di tutti i mezzi necessari a raggiungere i luoghi di gara.
Vengono proposti diversi tipi di corsi, da quelli di avviamento e perfezionamento per bambini, fino ai weekend a vela per gli adulti. Gli allievi, oltre a praticare uno sport sano, nobile e formativo, imparano la cultura del mare ed assumono, così, i basilari per praticare, da adulti, un diporto nautico sicuro e rispettoso dell’ambiente.

CONTATTI
Porto Turistico Salerno
Tel/fax: 089/224096
Cell: 3515216860
Email: [email protected]

Foto in mail – cartella InSalute revisionato

Il Nostro Più: il latte appena munto a km 0

Il Nostro Più: il latte appena munto a km 0

La Centrale del latte di Salerno raccoglie la sfida della sostenibilità

Combinare le proprietà nutritive del latte con l’amore per il territorio e per l’ambiente: è l’impegno che la Centrale del latte di Salerno si è assunta attraverso il lancio del prodotto Il Nostro Più, latte fresco pastorizzato intero “Alta Qualità”.

Il Nostro Più vanta una serie di plus che lo distinguono dal classico latte fresco. A partire dalla maggiore freschezza, che deriva dal fatto che è confezionato entro sole 12 ore dalla mungitura. Un automezzo dedicato preleva infatti il latte dalle stalle e lo consegna direttamente alla Centrale del latte, che in questo modo riesce a garantire un prodotto freschissimo, che preserva al meglio gli elevatissimi standard qualitativi, nutrizionali e organolettici.

Il Nostro Più nasce inoltre in fattorie di altopiano, situate nel Parco del Cilento e Vallo di Diano, a circa 500 metri di quota: l’aria pura e la natura incontaminata contribuiscono a conferirgli caratteristiche organolettiche superiori.
Gli allevamenti sono visitabili prenotandosi attraverso il sito della Centrale del latte: l’azienda ci tiene infatti ad offrire ai clienti l’opportunità di verificare l’origine del latte e le condizioni favorevoli in cui nasce.

Gli standard di freschezza e qualità risultanti dal contesto di altopiano in cui vengono allevate le mucche, dall’attiguità delle coltivazioni e dal breve lasso di tempo che intercorre fra mungitura e confezionamento rendono Il Nostro Più un latte più denso e gustoso della media e con un elevato tenore medio di grasso e proteine.
Il Nostro Più raccoglie anche la sfida della sostenibilità con un progetto condiviso con Legambiente Campania, grazie a un packaging che riduce al minimo le emissioni di CO2, facendo un favore all’ambiente e insieme alla salute dei cittadini. Infatti il prodotto viene confezionato in contenitori certificati “Carbon Neutral” ad emissione di anidride carbonica compensata, ovvero contenitori ecosostenibili prodotti tramite riduzione delle emissioni di CO2, combinate con l’utilizzo estensivo di energie rinnovabili.
Altro plus del prodotto è il sistema di tracciabilità che, attraverso il QR-code sulla confezione, permette di tracciare l’origine e i tempi di produzione del latte, all’insegna della totale trasparenza. Il Nostro Più rappresenta un’evoluzione dei concetti di qualità, sicurezza e sostenibilità che da sempre stanno a cuore alla Centrale del latte di Salerno, attraverso un prodotto che è un omaggio al territorio e un regalo all’ambiente.

Per informazioni contattare:
Uff. Marketing Centrale del Latte di Salerno S.p.A.

Tel. 089 685220 – Fax 089 685230
[email protected]

I benefici dell’andare in bicicletta

I benefici dell’andare in bicicletta

ciclista andare bici

Dalle ricadute positive sulla salute, sull’economia e sull’ambiente: pedalare conviene

La bicicletta si candida a diventare protagonista della rivoluzione della mobilità sostenibile. E nonostante l’Italia sia ancora ben lontana dal raggiungere i numeri del resto dell’Europa sull’uso delle due ruote, i dati fanno ben sperare. L’ultimo rapporto Isfort sulla mobilità degli Italiani ha registrato un aumento di ben due punti percentuale sull’uso della bici dal 2016 al 2017. Si è passati infatti dal 3,3% al 5,2%.

La strada da percorrere è sicuramente lunga, ma dai Comuni arrivano i primi segnali positivi. A Cesena e Bari ad esempio sono partiti gli incentivi per chi sceglie di recarsi a lavoro pedalando. Dopotutto andare in bici fa bene all’ambiente, limitando l’emissione di gas di scarico dovuto all’uso delle automobili, e anche alla salute.
Diversi studi hanno infatti dimostrato i benefici della pedalata: venti minuti al giorno in sella farebbero bene al cuore, alle articolazioni e permetterebbero anche di allentare lo stress quotidiano. E se gli effetti positivi sull’ambiente e la salute non dovessero bastare, le ricadute economiche potrebbero convincere anche i più scettici. I turisti interessati a viaggiare su due ruote ad esempio, aumentano sempre più, e secondo un’indagine firmata Confindustria-ANCMA e The European House Ambrosetti sul valore delle due ruote, si ipotizza un valore potenziale del cicloturismo italiano di circa 3,2 miliardi di euro. L’Italia è inoltre al primo posto in Europa per la produzione di biciclette, con 2,3 milioni di unità. Insomma, secondo i dati Legambiente, l’insieme degli spostamenti a pedali genererebbe in Italia un fatturato superiore ai 6 miliardi di euro, considerando il settore della produzione, il cicloturismo, ma anche il risparmio sanitario dovuto alle ricadute positive sulla salute dei cittadini, per non parlare dei risparmi su carburante e costi ambientali, grazie alla limitazione dell’emissione dei gas serra.

La Campania e il Sud Italia in generale purtroppo hanno molto ancora da fare per rendere le proprie strade a prova di ciclisti. Al dodicesimo Rapporto Euromobility 2018, che fotografa le principali 50 città italiane e le loro prestazioni in termini di mobilità sostenibile, Napoli si classifica solo al 39° posto, seguita da Salerno al 44°. Per questo il lavoro di sensibilizzazione delle associazioni sul territorio assume un ruolo importante. Tra le realtà che si impegnano per la diffusione della bicicletta quale mezzo di trasporto ecologico, in un quadro di riqualificazione dell’ambiente, urbano ed extraurbano, c’è la FIAB – Federazione Italiana Amici della Bicicletta a cui in Campania aderiscono diverse realtà territoriali, come “Caserta in bici”.

“La nostra idea – ci spiega Sara Femiano di Caserta In bici – è che utilizzando mezzi di locomozione diversi dall’auto privata, e strutturando le città per dare la “precedenza” alle categorie cosiddette deboli come pedoni, bambini, anziani, disabili, ciclisti, tutte le città possano migliorare in termini di qualità della vita, di qualità dell’aria, di sicurezza”.
Il gruppo non organizza solo attività ed eventi in bici, ma si è impegnato anche a redigere un progetto che è stato donato al Comune di Caserta, per la promozione di un sistema integrato di piste ciclabili, il tutto pensato da un gruppo di tecnici che hanno donato il loro tempo e le loro energie per migliorare la città. È stata anche svolta un’indagine dello stato dell’arte delle piste ciclabili e della mobilità sostenibile in città che hanno messo in luce l’esistenza di quasi 10 km di piste ciclabili poco conosciute e mantenute, senza alcun tipo di intermodalità.
“Usare la bici per gli spostamenti cittadini – concludono dall’associazione – non può essere considerato naif, ma deve essere visto come l’unica alternativa possibile e realizzabile per avere città più a misura di persona”.

ALCUNI DEI GRUPPI FIAB ATTIVI IN CAMPANIA

Cicloverdi Napoli

www.cicloverdi.it
tel. 0811291184

Caserta in Bici
https://www.facebook.com/CasertaInBici/
[email protected]

Caserta in bici

Caserta in bici

caserta in bici logo

Caserta in bici è un’associazione nata nel 2006 dall’idea e dalla passione ecologista (e non solo) di un gruppo di amici.

È stabilmente aderente alla FIAB – Federazione Italiana Amici della Bicicletta e proprio per questo ne condivide gli obiettivi e la mission, ovvero la diffusione della bicicletta quale mezzo di trasporto ecologico, in un quadro di riqualificazione dell’ambiente (urbano ed extraurbano). La nostra idea è che utilizzando mezzi di locomozione diversi dall’auto privata, e strutturando le città per dare la “precedenza” alle categorie cosiddette deboli (pedoni, bambini, anziani, disabili, ciclisti), tutte le città possano migliorare in termini di qualità della vita, di qualità dell’aria, di sicurezza.
Per noi la mobilità sostenibile può essere considerata un volano per uno sviluppo sostenibile della città e la creazione di un tessuto sociale più attento ai cittadini e ai loro bisogni.

In tredici anni di attività sono stati molteplici i nostri interventi.
Oltre alle passeggiate serali in cui siamo arrivati a coinvolgere fino a 500 persone, abbiamo svolto visite guidate nei dintorni di Caserta, aderito alle giornate del FAI muovendoci in bici, abbiamo organizzato tre edizioni di una Ciclocaccia al tesoro per le vie della nostra città con l’obiettivo di farne conoscere gli aspetti più nascosti, abbiamo organizzato il “Bike to school”, coinvolgendo quattro istituti scolastici.
Ma non ci occupiamo di solo di attività ludiche. Abbiamo redatto un progetto che è stato donato al Comune di Caserta, per la promozione di un sistema integrato di piste ciclabili, il tutto pensato da un gruppo di tecnici che hanno donato il loro tempo e le loro energie per migliorare la nostra città.
Abbiamo svolto un’indagine molto puntuale dello stato dell’arte delle piste ciclabili e della mobilità sostenibile a Caserta. Il risultato? quasi 10 km di piste ciclabili poco conosciute e poco mantenute, senza alcun tipo di intermodalità.
I progetti futuri? Intanto continuare ad essere presenti sul territorio, far sentire la nostra voce e far capire ai nostri concittadini che usare la bici per gli spostamenti cittadini non può essere considerato naif, ma deve essere visto come l’unica alternativa possibile e realizzabile per avere città più a misura di persona.

Potete seguire i nostri eventi e partecipare alle nostre attività seguendo la pagina Facebook @CasertaInBici
Potete chiedere informazioni per aderire alla nostra associazione inviando una mail all’indirizzo [email protected]

Co.S.MO.S Comitato Spontaneo Mobilità Sostenibile

Co.S.MO.S Comitato Spontaneo Mobilità Sostenibile

co.s.mo.s. logo

Il Co.S.Mo.S. è una aggregazione spontanea di cittadini che si sono attivati per sensibilizzare la popolazione all’uso quotidiano della bicicletta e di altri mezzi eco-sostenibili. È nostra convinzione, infatti, che una vita migliore è possibile. Come? Limitando l’abuso dei mezzi a motore, per esempio.

Cerchiamo di essere chiari: ciascuno di noi possiede l’automobile o comunque ne utilizza una per gli spostamenti che, nella praticità, non sono possibili in bicicletta. Non siamo degli oltranzisti del pedale. Siamo certi, tuttavia, che se ci fossero meno mezzi a motore sulle nostre strade, potremmo vivere in un ambiente urbano più sano, più sicuro per tutti, con meno caos e rumore, decisamente più accogliente e accattivante anche esteticamente, sia per i residenti che per i visitatori.

Lo sappiamo, possiamo sembrarti dei sognatori (che meraviglia i sogni!) o troppo ambiziosi eppure il nostro è un progetto di vita, è una visione di rispetto di ciascuno e dell’ambiente, è un progetto ampio per valorizzare il nostro territorio. Queste ambizioni, questi sogni, sono la base delle nostre iniziative che, oltre a contemplare l’uso della bicicletta come mezzo di trasporto preferenziale, vogliono entrare nella vita dei singoli e della collettività con un raggio d’azione il più ampio possibile.

Si pongono come punto di partenza per una progettualità nuova, attenta alle risorse, sostenibile anche sul piano economico e finanziario.

Informazioni: [email protected]

Le startup campane protagoniste del futuro dell’innovazione

Le startup campane protagoniste del futuro dell’innovazione

start up razzo

Tra le realtà più interessanti Videum (Salerno), piattaforma video per la salute e il benessere che integra tecnologie e servizi per supportare azioni di marketing verso un target specifico (paziente, medico, professionista della salute, caregiver), e 3DRap, laboratorio di prototipazione digitale di Mercogliano (Avellino), che porta a Smau un hand controller per permettere alle persone con disabilità di prendere parte al Sim Racing, le simulazioni di gare automobilistiche.

Altre aziende in erba sono la salernitana Ambra (energia), la prima energy storage community, e le napoletane Books to Travel (che offre itinerari narrativi alternativi, sfruttando le tecnologie di geolocalizzazione e creando storie da «viaggiare» per esplorare il territorio e scoprire nuovi luoghi), Mobiv (monitoraggio Bluetooth non invasivo dei visitatori) e Oltre il Museo (che collega i musei, i parchi e le aree archeologiche minori ai grandi circuiti museali attraverso itinerari culturali interconnessi e personalizzabili).

Sempre più in crescita risulta ancora il settore salute, farmaceutico, food e ambiente grazie a:

Foodallergeni che sviluppa servizi esclusivi per la ristorazione, attraverso un SOFTWARE/APP per l’indicazione degli allergeni contenuti nei menu/piatti.

Gooty –  Good Taste of Italy, valorizza e promuove le produzione di eccellenza enogastronomica del territorio campano.

Nrg4You progetta e costruisce impianti tecnologicamente innovativi per la produzione di energia da fonte rinnovabile e il risparmio energetico.

Software Engine fornisce idee e soluzioni fortemente innovative ad alto contenuto tecnologico alle PMI ed alle Strutture Sanitarie Italiane.

Chatbot, laser antinebbia, algoritmi per la ricerca farmaceutica, alcuni dei progetti presentati ieri nell’incontro promosso dall’Unione degli Industriali Napoli.

Chatbot che fanno lead generation, laser che messi sulle strade diventano potenti strumenti per automobilisti contro la nebbia, algoritmi che aiutano la ricerca farmaceutica.

Laila – chatbot innovativo, usa l’intelligenza artificiale per gestire una conversazione fluida e coerente come farebbe un essere umano. Laila collabora con l’Università degli Studi della Campania, Luigi Vanvitelli, ha già ottenuto 400mila euro con il bando Smart&Start e sta per lanciare la sua campagna di crowdfunding su 200crowd.

Laiser aid – laser contro la nebbia è un sistema illuminotecnico che punta a risolvere il problema della scarsa visibilità su strada, per nebbia o condizioni metereologiche avverse. La startup ha ideato una tecnologia che usa un laser che promette di ridurre i rischi di incidenti.

FoodExd – piattaforma per cuochi dilettanti, permette di acquistare piatti preparati da cuochi dilettanti. Attraverso l’applicazione è possibile ordinare e comprare piatti preparati in casa e di riceverli direttamente a casa consegnati proprio da chi li ha cucinati.

YouKaola – armadio virtuale per mamme dove è possibile affittare vestiti per neonati e premaman. Sia le premamme che i neonati nei primi mesi cambiano misure rapidamente, tanto che molti capi non vengono usati affatto. La piattaforma offre un’alternativa eco sostenibile attraverso il prestito che garantisce risparmi fino al 50%.

Hand?App – app di social innovation aiuta le persone affette da disabilità a trovare i luoghi pubblici e privati che sono strutturati per le loro esigenze. La startup ha lanciato un vero e proprio navigatore che indica percorsi, attività commerciali e di vago, accessibili per chi si sposta su una sedia a rotelle.

Sotfmining – algoritmi per farmaci che aiutano la ricerca farmaceutica. L’utilizzo di questi software consente, secondo il Ceo, di ridurre sensibilmente i tempi della ricerca, ma anche la sperimentazione sugli animali. Softmining punta a favorire la creazione di prodotti farmaceutici più efficaci e sicuri.

Pin It on Pinterest