resole

 

Perché la Pasqua non si festeggia mai nella stessa data? Il motivo è “astronomico”! Per dare una risposta a questa curiosità e a tante altre, il Planetario di Caserta ha previsto un’apertura al pubblico straordinaria Sabato 31 Marzo alle ore 18.30, una data aggiuntiva rispetto ai classici appuntamenti normalmente programmati per il  1°  e il 3° sabato del mese e la II e la IV domenica del mese (mentre d’estate la cadenza è di un giorno infrasettimanale a settimanale).

Cuore dell’evento sarà lo spettacolo “Il re Sole e la sua corte“, che offre un suggestivo viaggio nel Sistema Solare come se si fosse a bordo di una nave spaziale, ma attraverso una narrazione favolistica adatta ai più piccoli: il re (la stella Sole) coi suoi doni (energia e gravità), i principi (pianeti) e il loro torneo (chi è il più veloce? e il più lento? il più caldo? etc.), le damigelle (le lune o satelliti), gli ambasciatori (comete), il popolo (asteroidi).

Per la ricorrenza della Pasqua, la durata dello spettacolo sarà incrementata con un breve extra (compreso nell’usuale biglietto di ingresso) dal titolo: “Data e simboli della Pasqua”, che racconta – appunto – perché la data della Pasqua ha a che fare con l’astronomia e perché cambia ogni anno.

Come tutta l’offerta educativa e spettacolare del Planetario, anche questo evento è un prodotto “edutainment” (qualcosa che diverte e – contemporaneamente – educa al patrimonio scientifico, artistico, storico) del tutto originale perché è interamente ideato e realizzato dal Planetario di Caserta, un’avanguardia d’eccellenza in Italia, , il solo insieme al Planetario di Torino.

È possibile prenotare seguendo le indicazioni sulla pagina spettacoli al link http://www.planetariodicaserta.it/calendario-spettacoli/